USA UAW E GENERAL MOTORS, L'ACCORDO FA AUMENTARE LE BUSTE PAGA DEGLI OPERAI - WHAT-U

Markham, Ontario

La United Auto Workers (Uaw) e la General Motors hanno raggiunto un accordo provvisorio per porre fine allo sciopero iniziato il 15 settembre in diversi stabilimenti della casa automobilistica statunitense. Lo riferiscono media statunitensi.
La notizia giunge pochi giorni dopo che l’Uaw ha negoziato accordi simili prima con Ford e poi con Stellantis, le altre due case automobilistiche statunitensi coinvolte nella vertenza sindacale. Si tratta del più grande sciopero del settore automobilistico  contro i Big Three di Detroit. Domenica, il presidente dell’Uaw Shawn Fain ha definito le concessioni strappate alla Ford “una vittoria storica” e “un punto di svolta nella guerra di classe” negli Stati Uniti.Gli accordi con GM, Ford e Stellantis che devono ora essere ratificati dai lavoratori, pongono fine al primo sciopero simultaneo e progressivo dell’Uaw e a uno dei più grandi nella storia dell’industria automobilistica statunitense. Sabato, dopo aver annunciato di aver raggiunto un accordo con Stellantis, l’Uaw ha prolungato lo sciopero dei lavoratori GM con lo stop dell’impianto di Spring Hill, nello stato del Tennessee. In totale, circa 18.000 lavoratori GM erano in sciopero in più di una dozzina di luoghi di lavoro in tutto il Paese. Uaw e GM hanno confermato l’accordo, che dovrebbe seguire lo schema di quelli raggiunti con Ford e Stellantis: aumenti salariali del 25% nei prossimi quattro anni, sicurezza del posto di lavoro permanente per i lavoratori temporanei, miglioramento dei benefici per i pensionati e sindacalizzazione dei nuovi impianti di batterie. Fain ha anche dichiarato che la vertenza sindacale servirà a rivitalizzare il movimento sindacale negli Stati Uniti. 

“Ai lavoratori salari e dignità che meritano” così il presidente degli Usa, Joe Biden ha salutato l’intesa tra i tre marchi automobilistici e il sindacato, dopo che un mese fa l’inquilino della Casa Bianca aveva espresso l’appoggio agli scioperanti. 

L’accordo con GM è stato raggiunto dopo che l’amministratore delegato Mary Barra, che si è trovato ad affrontare perdite stimate di 200 milioni di dollari a settimana a causa dello sciopero, Così domenica sera ha deciso di recarsi nel quartier generale della UAW a Detroit con l’intento di ottenere un nuovo contratto. La Ford ha accettato un nuovo contratto la scorsa settimana e poi è stata seguita sabato da Stellantis , il che ha aumentato la pressione su GM affinché si accontentasse sostanzialmente degli stessi termini.

Esiste però un altro lato della medaglia. Perché proprio ora che le aziende stanno cercando di capire come passare ai veicoli elettrici senza perdere troppi miliardi di dollari, il fatto di dover affrontare un enorme aumento dei costi di manodopera per i prodotti che finanzieranno la transizione ai veicoli elettricici, potrebbe renderle meno competitive le auto.

Uno studio condotto questo mese da Moody’s Investors Service ha rilevato che il costo annuale del lavoro potrebbe aumentare di 1,1 miliardi di dollari per Stellantis, 1,2 miliardi di dollari per GM e 1,4 miliardi di dollari per Ford nell’ultimo anno del contratto. Lo studio ipotizzava un aumento del 20% del costo orario del lavoro. Ford ha affermato che gli accordi aggiungeranno da 850 a 900 dollari in costi di manodopera per veicolo.

L’analista di Wells Fargo Colin Langan ha stimato che i contratti avrebbero fatto aumentare il costo orario totale del lavoro delle società di circa il 30%, a 76,08 dollari per Ford, 78,15 dollari per GM e 75,63 dollari per Stellantis. Il sindacato, tuttavia, ha segnalato che le aziende stanno realizzando profitti per miliardi di dollari all’anno e quindi possono permettersi di pagare i lavoratori per compensare le precedenti concessioni. 



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY