[gtranslate] BLINKEN TERZA VISITA IN ISRAELE PER CHIEDERE LA SALVAGUARDIA DEI CIVILI IN PALESTINA - WHAT-U

Il segretario Usa Anthony Blinken col leader dell’opposizione israeliana Yair Lapid

Oggi il Segretario di Stato americano Antony Blinken si è recato a Tel Aviv, in Israele, per la terza volta, dove ha incontrato il leader dell’opposizione israeliana Yair Lapid. Obiettivo dell’incontro ricordare ai leader israeliani la necessità che Israele rispetti il ​​diritto internazionale mentre combatte la guerra contro Hamas a Gaza. Blinken ha anche affermato che è imperativo che Israele faccia molta attenzione ad evitare vittime civili nel sud di Gaza, dove centinaia di migliaia di palestinesi hanno cercato rifugio dopo essere fuggiti dalle loro case nella parte settentrionale del territorio.

Ieri Hamas ha liberato otto ostaggi israeliani in cambio del rilascio di altri prigionieri palestinesi in base a un accordo dell’ultimo minuto per estendere il cessate il fuoco a Gaza di un altro giorno. Ma qualsiasi ulteriore rinnovo della tregua, giunta al settimo giorno, potrebbe rivelarsi più scoraggiante poiché si prevede che Hamas per i circa 140 ostaggi che tiene prigionieri, fisserà un prezzo più alto.

Hamas giovedì pomeriggio ha liberato due donne israeliane, e alcune ore dopo altri sei ostaggi che sono stati consegnati alla Croce Rossa a Gaza, sono stati portati in Israele, ha detto l’esercito israeliano. L’accordo prevedeva il rilascio di 10 israeliani al giorno, insieme ad altri cittadini, durante la tregua, in cambio del rilascio da parte di Israele di almeno 30 prigionieri palestinesi nel giro di poche ore e altri 30 verso sera. Nel frattempo è  aumentata la pressione internazionale, sono molti coloro che desiderano che la tregua continui il più a lungo possibile, dopo l’attacco mortale di Hamas del 7 ottobre  contro Israele e i bombardamenti, la conta dei civili uccisi a Gaza ha raggiunto cifre ragguardevoli,  tenuto conto che più di tre quarti della popolazione che contava in totale 2,3 milioni di abitanti,  è stata sradicata dalla propria terra, provocando una crisi umanitaria .

Israele ha promesso di riprendere i combattimenti – con l’obiettivo di smantellare Hamas – una volta terminato il cessate il fuoco. Il cessate il fuoco scadrà domani all’inizio della giornata, anche se i mediatori internazionali stanno lavorando per prorogarlo. I colloqui però sembrano siano diventati sempre più duri, con Hamas che ha già liberato la maggior parte delle donne e dei bambini rapiti. Al momento la maggior parte della popolazione di Gaza è stipata nel sud senza via d’uscita. E man mano che passano i giorni, c’è chi solleva più di un interrogativo su come un attacco di terra israeliano accompagnato da bombardamenti, possa evitare pesanti perdite civili. Il Qatar e l’Egitto, che hanno svolto un ruolo chiave nella mediazione, stanno cercando di prolungare l’accordo di altri due giorni, secondo Diaa Rashwan, capo del Servizio informazioni statale egiziano. Secondo il Ministero della Sanità della Gaza governata da Hamas , che non fa distinzione tra civili e combattenti, i bombardamenti e l’invasione di terra di Israele a Gaza hanno ucciso più di 13.300 palestinesi, circa due terzi dei quali donne e minori.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY