[gtranslate] TAIWAN, VINCE LE ELEZIONI IL PARTITO DEMOCRATICO PROGRESSISTA SEMPRE PIÙ DISTANTE DALLA CINA - WHAT-U

people standing on road close up photography
Photo by Henry & Co. on Pexels.com

Per la terza volta consecutiva il Partito Democratico Progressista al governo di Taiwan. Lai Ching-te, attuale vicepresidente di Taiwan, ha dichiarato la vittoria sabato sera mentre i suoi due rivali dell’opposizione hanno entrambi ammesso la sconfitta. “Questa è una notte che appartiene a Taiwan. Siamo riusciti a mantenere Taiwan sulla mappa del mondo”, ha detto Lai a migliaia di sostenitori esultanti per la sua vittoria e per niente intimoriti dagli avvertimenti pressanti della Cina che ha più volte  sottolineato che la sua rielezione avrebbe aumentato il rischio di conflitto. “Le elezioni hanno mostrato al mondo l’impegno del popolo taiwanese nei confronti della democrazia, cosa che spero che la Cina possa comprendere”, ha aggiunto. Il vicepresidente di Lai, Hsiao Bi-khim, che recentemente è stato il principale inviato di Taiwan negli Stati Uniti, è stato eletto vicepresidente. Il conteggio dei voti si è concluso e, secondo la Commissione elettorale centrale di Taiwan (CEC), Lai – il candidato del Partito democratico progressista (DPP) al governo di Taiwan – ha ricevuto poco più del 40% dei voti totali. Il candidato del partito di opposizione Kuomintang (KMT) Hou Yu-ih ha raccolto il 33,49% dei voti, mentre il candidato del Partito popolare di Taiwan (TPP) Ko Wen-je ha ricevuto il 26,45%. Hanno partecipato più di 14 milioni di persone, il che significa che l’affluenza alle urne è stata di poco superiore al 71%. Dopo il risultato elettorale di Taiwan, un portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese ha affermato che, “Taiwan fa parte della Cina” sottolineando che la “riunificazione” dell’isola con la terraferma è “un’inevitabilità storica”.E indipendentemente da “qualunque cambiamento avvenga a Taiwan, esisterà sempre una sola Cina al mondo e Taiwan ne farà parte”. Il portavoce ha poi aggiunto: “Il principio della Cina unica è il solido ancoraggio per la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan. Crediamo che la comunità internazionale continuerà ad aderire al principio di una sola Cina e a comprendere e sostenere la giusta causa del popolo cinese di opporsi alle attività separatiste dell’indipendenza di Taiwan e di lottare per raggiungere la riunificazione nazionale”. Altre potenze mondiali si sono congratulate con Lai, con il Segretario di Stato americano Antony Blinken che ha affermato che il voto ha dimostrato “la forza del solido sistema democratico e del processo elettorale [di Taiwan]”. Come il presidente uscente Tsai Ing-wen, che non può ricandidarsi a causa dei limiti di mandato, Lai è apertamente detestato dai leader del Partito comunista cinese e difficilmente la sua vittoria porterà a un miglioramento dei rapporti tra Pechino e Taipei. La Cina ha interrotto la maggior parte delle comunicazioni con Taipei dopo che Tsai è entrato in carica e ha intensificato la pressione diplomatica, economica e militare sull’isola autogovernata, trasformando lo stretto di Taiwan in uno dei principali punti critici geopolitici del mondo.

Il Partito Comunista cinese al potere considera Taiwan come parte del suo territorio, nonostante non l’abbia mai controllato. Mentre i successivi leader comunisti cinesi hanno promesso di raggiungere alla fine la “riunificazione”, Xi ha ripetutamente affermato che la questione di Taiwan “non dovrebbe essere tramandata di generazione in generazione”, collegando la missione al suo obiettivo di metà secolo di “ringiovanimento nazionale”.

Il DPP ha sottolineato che Taiwan non è subordinata al Partito comunista cinese e che il suo futuro dovrà essere deciso solo dai suoi 23,5 milioni di abitanti. Nel periodo precedente al voto di sabato, Pechino ha avvertito gli elettori di Taiwan di “fare la scelta giusta” e di “riconoscere l’estremo pericolo che Lai Ching-te inneschi uno scontro e un conflitto attraverso lo Stretto”. Parlando ai media prima del suo discorso di vittoria sabato sera, Lai ha definito la sua vittoria una “vittoria per la comunità delle democrazie”.

“Stiamo dicendo alla comunità internazionale che tra democrazia e autoritarismo, stiamo ancora dalla parte della democrazia”, ha spiegato. “Agirò in conformità con il nostro ordine costituzionale democratico e libero in modo equilibrato e mantenendo lo status quo attraverso lo Stretto. Allo stesso tempo, siamo anche determinati a salvaguardare Taiwan dalle continue minacce e intimidazioni da parte della Cina. In futuro, speriamo che la Cina riconosca la nuova situazione e capisca che solo la pace avvantaggia entrambe le sponde dello stretto”, ha concluso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY