[gtranslate] OREGON, LA CORTE SUPREMA DELL'OREGON HA SANCITO L'ELEGGIBILITÀ DI TRUMP. ORA LA PAROLA PASSA AI GIUDICI NAZIONALI - WHAT-U

La Corte Suprema dell’Oregon ha sancito l’eleggibilità di Donald Trump, non accogliendo il ricorso dei gruppi che hanno chiesto che l’ex presidente venga rimosso dalle schede elettorali delle primarie repubblicane che si svolgeranno nello stato il 5 marzo, per il suo ruolo nell’assalto al Congresso che violerebbe la sezione 3 del 14esimo emendamento della Costituzione, che vieta a chi ha partecipato a un’insurrezione di candidarsi. Presentato in diversi stati, il ricorso contro l’eleggibilità di Trump era stato respinto nella maggioranza dei casi, ora però dopo la decisione dell’Oregon occorre aspettare il pronunciamento della Corte Suprema degli Stati Uniti, che avrà il compito di valutare il ricorso contro la decisione dei sommi giudici del Colorado. Anche nel Maine le  autorità elettorali accogliendo le proteste del gruppo liberal Free Speech for the People Trump era stato eliminato dalle primarie. Ma ora ciò che veramente avrà titolo per l’ex presidente, sarà la decisione del grado superiore.

56% americani vorrebbe Trump squalificato in tutti o alcuni stati

La maggioranza degli americani, il 56%, vorrebbe che la Corte Suprema degli Stati Uniti squalificasse Donald Trump dalle elezioni o lasciasse ad ogni singolo stato la libertà di farlo. E’ quanto emerge da un nuovo sondaggio Abcnews/Ipsos, secondo il quale il 30% degli intervistati ritiene che i sommi giudici debbano decidere che l’ex presidente sia ineleggibile sulla base della sezione 3 del 14esimo emendamento della Costituzione. Mentre il 26% pensa che la Corte debba invece stabilire che ogni singolo stato debba avere la libertà di poter decidere di annullare la candidatura di Trump, come finora hanno fatto Colorado e Maine. Il 39% invece pensa che la Corte Suprema debba ordinare che il nome di Trump rimanga nelle schede elettorali di tutti gli stati. Infine, la maggioranza degli intervistati, il 53%, crede che la Corte deciderà sulla questione dell’eleggibilità sulla base del diritto, mentre il 43% è convinto che prevarrà l’orientamento politico dei giudici.

Nella Corte Suprema ora c’è una netta maggioranza di giudici conservatori, 6 contro 3, e tre di loro sono stati nominati proprio da Trump. La Corte Suprema ha accettato di valutare il ricorso contro la decisione della Corte Suprema del Colorado, che ha dichiarato Trump ineleggibile, e una sua decisione è attesa a breve, dopo la discussione degli argomenti prevista per l’8 febbraio. Trump ha fatto appello anche contro la decisione del segretario di Stato del Maine, e ora si attende la sentenza della Corte Superiore della Kennebec County, e anche questo caso alla fine potrebbe arrivare alla Corte Suprema Usa.

Ha perso anche molto peso

Dopo che Donald Trump ha pubblicato un rapporto del suo medico che pubblicizzava la sua salute “eccellente” e il suo peso “ridotto”, tanti sono stati i giri di gossip su come l’ex presidente abbia perso peso. C’è chi ha ipotizzato che l’ex presidente abbia optato per un aiutino, ossia a un farmaco dimagrante e c’è chi sostiene che il merito sia tutto del cambiamento delle sue abitudini alimentari.  Pare infatti che Trump non si faccia più tentare da spuntini e portate abbondanti per mantenere lontano lo stress, ma abbia optato per un regime alimentare più equilibrato che nel giro di 2 anni gli ha fatto perdere quasi 30 chilogrammi.

Tutto merito di Melania, dice un insider, è stata lei a migliorare le sue abitudini alimentari. A novembre, il medico personale di Trump, il dottor Bruce Aronwald del New Jersey, ha scritto: “Sono lieto di annunciare che la salute generale del presidente Trump è eccellente”. Aggiungendo: “Trump ha ridotto il suo peso grazie a una dieta migliore e continuando a praticare l’attività fisica quotidiana pur mantenendo un programma rigoroso”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY