[gtranslate] LA NATO SIMULA ESERCITAZIONI PER DIFENDERE I PAESI PIÙ A RISCHIO CONFINANTI CON LA RUSSIA. E LA RUSSIA... - WHAT-U

Il vice ministro degli Esteri russo, Alexander Grushko

La NATO sta destando nuove preoccupazioni alla Russia. L’intendificarsi delle esercitazioni Steadfast Defender 2024, hanno fatto scomodare il vice ministro degli Esteri russo, Alexander Grushko, che ha criticato con veemenza le manovre militari dell’ONU, segnalando un aumento delle tensioni sulla scena globale. Grushko ha detto che la portata di queste esercitazioni segna un “ritorno irrevocabile” alle strategie della Guerra Fredda, ponendo le basi per uno scontro geopolitico. Ma qual è lo scopo di queste esercitazioni che stanno coinvolgendo circa 90.000 soldati? Quello di fare una simulazioni di ipotetici scenati bellici nei quali le truppe statunitensi avrebbero il compito di rafforzare gli alleati europei nei paesi confinanti con la Russia in caso di potenziali conflitti sul fianco orientale dell’alleanza. La partecipazione comprende uno schieramento formidabile, tra cui oltre 50 navi, 80 aerei da combattimento, elicotteri, droni e un numero considerevole di veicoli da combattimento. Queste esercitazioni mirano ad attuare i piani di difesa regionali della NATO, i primi del loro genere da decenni, delineando le risposte alle potenziali minacce russe. Per la Russia un ulteriore affronto tenuto conto del fatto che questo documento col quale si è dato il via a queste esercitazioni identifica la Russia come una minaccia primaria e diretta alla sicurezza generale, riflettendo le crescenti preoccupazioni relative alla sicurezza regionale.

La Germania teme che la Russia possa volere una terza guerra mondiale

Documenti segreti del Ministero della Difesa tedesco, pubblicati da Bild, descrivono in dettaglio come la Russia potrebbe intensificare il conflitto in Ucraina in una guerra più ampia, utilizzando la Bielorussia come trampolino di lancio per l’invasione. Il generale di brigata in pensione dell’esercito americano Kevin Ryan ha fatto eco alla gravità della minaccia, sottolineando la necessità che la NATO sia pronta a prevenire la guerra. I documenti ipotizzano anche che la Russia abbia avviato un conflitto negli Stati baltici intorno a luglio, impiegando gravi attacchi informatici e sfruttando il malcontento dei cittadini russi in Estonia, Lettonia e Lituania. L’Europa si sta quindi preparando alla possibilità che il presidente russo possa intensificare la guerra in Ucraina ed estendere le ostilità agli stati membri della NATO, con un assalto russo “ibrido” nell’Europa orientale.

Intanto alla NATO…

Dal 17 al 18 gennaio 2024, presso il quartier generale della NATO a Bruxelles, si è svolta la sessione del Comitato militare dei capi di stato maggiore della difesa della NATO. I 31 capi di stato maggiore della difesa alleati e la Svezia invitata si sono concentrati sull’attuabilità dei nuovi piani di difesa dell’Alleanza, sulla trasformazione bellica della NATO, sul continuo sostegno della NATO all’Ucraina e sulla cooperazione militare con i partner della NATO Austria, Australia, Irlanda, Giappone, Nuova Zelanda, Svizzera e Repubblica della Corea. E durante l’incontro di due giorni, i capi della difesa si sono incontrati per la prima volta nel formato del Consiglio NATO-Ucraina. Aprendo la sessione del Comitato militare della NATO insieme al vice segretario generale della NATO Mircea Geoană, il presidente del Comitato militare, l’ammiraglio Rob Bauer, ha sottolineato che l’ordine internazionale basato sulle regole è sottoposto a un’enorme pressione: “Le placche tettoniche del potere si stanno spostando. E di conseguenza ci troviamo di fronte al mondo più pericoloso degli ultimi decenni. In questa nuova era di difesa collettiva dobbiamo difendere non solo la sicurezza fisica del nostro miliardo di persone e di 31 nazioni (che presto diventeranno 32), ma difendiamo anche la libertà e la democrazia”.

Il vice segretario generale, Geoană, ha evidenziato diverse sfide alla sicurezza globale: “Oggi la nostra pace è minacciata. Guerra, terrorismo, instabilità. Gli stati autoritari minacciano i nostri valori. Abbiamo bisogno di una NATO forte più che mai e una NATO forte è ciò che abbiamo”. La prima sessione ha visto il Generale Cavoli, Comandante Supremo Alleato in Europa – SACEUR, fornire informazioni sull’attuabilità della Famiglia di Piani DDA e sulla via da seguire per quanto riguarda la deterrenza e la posizione di difesa della NATO. Gli alleati stanno lavorando attivamente per rendere pienamente eseguibili i nuovi piani di difesa. Per quanto riguarda la trasformazione bellica della NATO, il Comandante supremo alleato per la trasformazione, Generale Lavigne, e il Vice Comandante supremo alleato per la trasformazione, Generale Badia, hanno aggiornato i capi della Difesa sui progressi riguardanti la trasformazione della NATO, concentrandosi sul futuro delle operazioni multi-dominio e sull’adattamento del Comando e Controllo della NATO. La sessione sulla difesa aerea e missilistica integrata ha visto i capi della difesa discutere del miglioramento della prontezza e dell’interoperabilità della NATO nel settore aereo. Nel pomeriggio i capi della difesa hanno discusso e fornito ulteriori indicazioni ai due comandanti strategici riguardo alle priorità di deterrenza e difesa della NATO in vista dell’incontro di Washington DC. I nuovi piani di difesa richiedono più persone, più addestramento ed esercitazioni, più scorte e capacità e una maggiore pianificazione della difesa. investimento. Nel formato inaugurale del Consiglio dei capi della difesa NATO-Ucraina, il rappresentante militare ucraino presso la NATO, il maggiore generale Serhii Salkutsan, ha informato i capi della difesa della NATO per conto del capo della difesa ucraino, generale Zaluzhnyi. Lodando il coraggio e la determinazione delle forze armate ucraine, i capi della difesa hanno riaffermato il loro incrollabile e continuo sostegno all’Ucraina. L’ammiraglio Bauer ha affermato: “L’esito di questa guerra determinerà il destino del mondo. Il nostro sostegno non è carità; è un investimento nella nostra sicurezza”.

La seconda giornata è iniziata con l’incontro del Comitato militare con i capi della difesa del Partner Interoperability Advocacy Group: Australia, Austria, Irlanda, Nuova Zelanda e Svizzera. Le Nazioni PIAG detengono lo status di nazione non NATO, che garantisce un accordo di sicurezza individuale che consente lo scambio di informazioni classificate e la partecipazione all’addestramento e alle esercitazioni della NATO. I capi della difesa hanno affermato che l’attuale contesto di sicurezza dimostra chiaramente la crescente importanza della cooperazione con i partner, soprattutto per quanto riguarda l’interoperabilità. Incontrando i loro partner dell’Indo-Pacifico Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud, i capi della difesa della NATO hanno discusso di come le questioni di sicurezza regionale stiano diventando sempre più questioni di sicurezza globale. Insieme hanno discusso su come sviluppare ulteriori opportunità di formazione e di esercizio nel quadro di una più stretta cooperazione. La sessione conclusiva della giornata ha visto i Capi di Stato Maggiore della Difesa incontrare il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg. I capi della Difesa hanno discusso delle questioni di sicurezza globale e delle priorità politiche in vista del vertice di Washington DC.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY