[gtranslate] A RIYADH PER LA PRIMA VOLTA APRE UN NEGOZIO DI LIQUORI. ARABIA SAUDITA A PICCOLI PASSI VERSO UNA NUOVA ECONOMIA - WHAT-U

In Arabia Saudita a Riyadh per la prima volta in oltre 70 anni, ha aperto la saracinesca un negozio di liquori, segnando un ulteriore passo avanti verso la liberalizzazione sociale nel regno che ospita i luoghi più sacri dell’Islam, un tempo ultraconservatore. Insomma il dardo è tratto. E sebbene il locale sia riservato ai diplomatici non musulmani, questo negozio aperto a Riyadh è un segnale lanciato dal principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman che mira a rendere il regno una destinazione turistica e commerciale sempre più ambita allontanando lentamente la sua economia dal petrolio greggio. Un obiettivo non semplice tenuto conto che gli islamici ultraconservatori erano abbastanza riluttanti all’idea. Il negozio si trova accanto a un supermercato nel quartiere diplomatico della città.  E chi ha avuto l’opportunità di andarci lo ha descritto come un negozio duty free di lusso in un grande aeroporto internazionale.

Per il momento in vendita si trovano liquori, vino e solo due tipi di birra. Per accedere occorre essere in possesso di un documenti d’identità. E per pagare si deve usare un’apposita app. Nel passato per anni, molti diplomatici sono riusciti a importare liquori nel regno attraverso attraverso un servizio specializzato. E coloro che non vi avevano accesso acquistavano liquori dai contrabbandieri o li producevano autonomamente nelle loro case.  Bere alcol è considerato haram, o proibito, nell’Islam. L’Arabia Saudita rimane una delle poche nazioni al mondo ad aver vietato l’alcol, insieme ai vicini Kuwait e Sharjah negli Emirati Arabi Uniti. L’Arabia Saudita ha vietato l’alcol dall’inizio degli anni ’50. L’allora re Abdulaziz, monarca fondatore dell’Arabia Saudita, ne interruppe la vendita in seguito a un incidente del 1951 in cui uno dei suoi figli, il principe Mishari, si ubriacò e usò un fucile per uccidere il vice console britannico Cyril Ousman a Jeddah.

Dopo la rivoluzione islamica iraniana del 1979 e l’attacco militante alla Grande Moschea della Mecca, i governanti dell’Arabia Saudita abbracciarono presto ulteriormente il wahhabismo, una dottrina islamica ultraconservatrice nata nel regno. Ciò ha determinato l’adozione di una rigorosa separazione di genere, il divieto di guida per le donne e altre misure. Sotto il principe Mohammed e suo padre, il re Salman, il regno ha cambiato pelle. Ha aperto cinema , ha permesso alle donne di guidare e ha ospitato importanti festival musicali. Ma il discorso politico e il dissenso restano strettamente criminalizzati , potenzialmente con la pena di morte. Nel frattempo l’Arabia Saudita si prepara per un progetto di città futuristica da 500 miliardi di dollari chiamato Neom.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY