[gtranslate] LA MORTE DI NAVALNY RIUSCIRÀ A INFLUENZARE (IN NEGATIVO) LE IMMINENTI ELEZIONI IN RUSSIA? - WHAT-U

Un lavoratore a San Pietroburgo ha realizzato un murale raffigurante il politico dell’opposizione russa incarcerato Aleksei Navalny nell’aprile 2021 aggiungendo una scritta significativa: “L’eroe della nuova era” ph reuters

Durante il concerto degli U2 a Las Vegas, Bono ha reso omaggio al leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, invitando il pubblico dello Sphere, l’avveniristica arena dove la band si esibisce in una lunga serie di concerti, a dire ad alta voce il nome dell’oppositore russo, “perché Putin non lo avrebbe mai detto”. Il cantante ha parlato di Navalny e degli ucraini in lotta per la libertà durante la sua esibizione a Las Vegas, postando un video su X. “La prossima settimana segnerà due anni da quando Putin ha invaso l’Ucraina” ha detto. “Per queste persone, la libertà non è solo una parola in una canzone, per queste persone è la parola più importante del mondo; così importante che gli ucraini combattono e muoiono per essa. Così importante che Alexei Navalny ha deciso di rinunciarvi”. Poi ha aggiunto: “Putin non avrebbe mai detto il suo nome. Quindi ho pensato che stasera, come persone che credono nella libertà, dobbiamo dire il suo nome. Non limitarci a ricordarlo, ma dire: Alexei Navalny, Alexei Navalny”. Navalny, 47 anni, è morto in carcere il 16 febbraio alle 14:17 ora locale, ha detto il suo portavoce ufficiale, Kira Yarmysh, citando un messaggio della madre di Navalny e contestando la spiegazione ufficiale della Russia secondo cui Navalny sarebbe morto dopo una caduta nella colonia penale artica dove si trovava tenuto. Dal giorno della sua morte i suoi famigliari chiedono la restituzione del suo corpo, ma finora le loro istanze sono rimaste disattese. Le informazioni poco chiare e discordanti a distanza di poche ore dalla sua morte di ciò che è accaduto continuano a sollevare molti dubbi sulla causa della sua morte. “Alexei Navalny è stato assassinato”, ha scritto la Yarmysh su X. “Chiediamo che il corpo di Alexei sia consegnato immediatamente alla sua famiglia”. L’avvocato e la madre di Navalny, Lyudmila Navalnaya, sabato 17 febbraio sono arrivati alla colonia penale nell’insediamento di Kharp, ha detto Yarmysh in una dichiarazione video. Dopo aver ricevuto la notifica ufficiale della morte di Navalny, un dipendente ha detto loro che il corpo di Alexei, “recuperato dagli investigatori del comitato investigativo russo (IC)”, si trovava all’obitorio di Salekhard. La madre di Navalny quindi si è recata all’obitorio per vedere il corpo del figlio e per dargli un ultimo saluto, ma lo ha trovato chiuso. E quando ha chiesto spiegazioni tramite il suo avvocato “le è stato detto che il corpo di Navalny non era lì”, ha riferito la Yarmysh. “I risultati degli esami sul cadavere saranno presumibilmente disponibili la prossima settimana. È ovvio che mentono e fanno tutto il possibile per evitare di consegnare il corpo”, ha detto Yarmysh, aggiungendo che l’IC ha detto che il corpo di Navalny non sarà consegnato alla sua famiglia fino a quando le indagini non saranno completate. “Gli avvocati sono stati informati che l’indagine era conclusa e che non era stato accertato nulla di criminale”, ha aggiunto Yarmysh. “Mentono letteralmente ogni volta, facendoci girare in tondo e coprendo le loro tracce.” “Il corpo non verrà rilasciato perché la causa della morte non è stata stabilita”, ha scritto Ivan Zhdanov, direttore dell’Associazione anticorruzione di Alexei Navalny, su X. Zhdanov che con Navalny, ha coordinato numerose  campagne elettorali e inchieste, oltre ad essere un suo grande amico è stato uno dei suoi più stretti collaboratori. Già lo scorso anno verso il 10 dicembre, aveva lanciato un allarme sulla strana sparizione dell’amico dissidente che sembrava essere scomparso dall’intero sistema carcerario russo. Zhdanov su X aveva scritto l’elenco di tutti i luoghi in cui lui e i suoi compagni erano andati alla ricerca di Navalny, perché il fatto che l’uomo contrariamente alle sue abitudini non si era presentato a uno degli ultimi processi a suo carico aveva sollevato più che un sospetto. Navalny era detenuto in una delle colonie di massima sicurezza, sottoposto a un regime di isolamento. Nessuna informazione è trapelata riguardo un suo eventuale trasferimento.  Ma da quel momento è nato solo il grande dubbio che gli fosse accaduto qualcosa di grave. “Da dieci giorni non sappiamo rispondere a questa domanda. Lo stiamo cercando in vari centri di custodia cautelare e colonie, abbiamo controllato tutta Mosca e la regione di Vladimir. Elencherò ogni centro in cui lo abbiamo cercato” ha detto Zhdanov. Prove tecniche di una morte annunciata ha scritto poi qualcuno sui Social. Come poi è accaduto.

Ora la domanda più ricorrente è questa. Dopo la scomparsa del critico più accanito del Cremlino cambierà qualcosa in Russia? La morte di un uomo che simboleggiava l’opposizione a Putin, potrebbe aumentare il rischio di proteste contro le elezioni?

Secondo Radio Free Europe, la prima cosa da tenere d’occhio è la campagna per le elezioni presidenziali del 15-17 marzo, ormai a solo un mese di distanza. Putin è certo che vincerà salvo un importante sviluppo inaspettato, ma gli analisti dicono che il Cremlino vuole che vinca con un margine che dimostri ai russi, e al mondo, che non c’è alternativa. Quel desiderio apparente è apparso ancora più evidente quando Boris Nadezhdin, l’unico potenziale candidato critico della guerra contro l’Ucraina, alcuni giorni fa è stato escluso dal ballottaggio dopo che lunghe file di russi si erano presentate per sostenere la sua campagna di raccolta firme, forse spaventando Putin e il Cremlino che temevano che uno sfidante potesse ottenere una fetta sostanziale di voti. Navalny, a cui era stato proibito di sfidare Putin nelle ultime elezioni del 2018, la scorsa settimana aveva espresso sostegno a un’iniziativa che invitava i russi a presentarsi ai seggi elettorali alle 12:00 dell’ultimo giorno del prossimo voto – uno sforzo di protesta. soprannominato Mezzogiorno contro Putin. E forse proprio questo suo ultimo atto di ribellione è stato quello che gli è costato la vita.

Tra i diffusi sospetti di un gioco scorretto – o degli effetti perniciosi delle condizioni carcerarie e del duro trattamento che secondo Navalny mirava a ucciderlo – diversi analisti e critici del Cremlino hanno collegato la sua morte alle elezioni che Putin vuole vincere senza intralci assicurandosi un nuovo mandato di sei anni. “Martedì ho ascoltato la registrazione audio della sua voce da una delle tante udienze a cui ha partecipato. Era la voce di un uomo allegro, energico e sano”, ha detto alla Deutsche Welle la politologa Ekaterina Shulman . “Ciò significa che è stato ucciso. È stato ucciso per non interferire con la campagna elettorale. Questo è ciò che sta in superficie e ciò che non può essere ignorato”.

Mikhail Khodorkovsky, l’ex magnate del petrolio in esilio che ha trascorso un decennio in prigione in seguito a condanne che lui e i suoi sostenitori sostengono facessero parte di una campagna orchestrata dal Cremlino per punirlo per essersi avventurato nella politica dell’opposizione, ha esortato i russi a scrivere il nome di Navalny sulle loro schede quando voteranno. Ma i russi sanno che qualsiasi sforzo, dalle proteste di piazza per le elezioni, per la morte di Navalny o per la guerra contro l’Ucraina, alle barricate per esprimere un eventuale dissenso per il rinnovo del mandato di Putin, rappresenterebbe per loro un grosso rischio. “Navalny è stato utile alla Russia come segno che l’opposizione a Putin era tollerata. Questa utilità è finita molto tempo fa”, ha detto Keir Giles, consulente senior presso Chatham House. “E ormai, la Russia ha abbandonato ogni pretesa di essere qualcosa di diverso da un regime repressivo. La Russia è tornata nella sua storica zona di comfort in cui uccideva gli oppositori in patria e all’estero senza scrupoli e senza preoccuparsi della condanna internazionale”. Le ripercussioni all’estero però potrebbero giocare sulla questione cruciale del sostegno occidentale alla difesa dell’Ucraina, amplificando le richieste di ulteriore pressione sulla Russia e influenzando potenzialmente il destino di un pacchetto di 60 miliardi di dollari di aiuti per lo più militari da parte degli Stati Uniti che è stato ostacolato al Congresso per mesi. Qualunque sia stata la causa della morte di Navalny, rappresenta una sfida per Putin e per lo Stato, secondo Tatyana Stanovaya, esperta del Cremlino e analista del Carnegie Russia Eurasia Center.”Non ho dubbi che molto presto assisteremo a un’ondata significativa di repressioni anti-Navalny, raid dopo indignazione nei social network, procedimenti penali e arresti”, ha detto la Stanovaya. “Navalny stava combattendo per una ‘bella Russia del futuro’ ed è stato schiacciato dalla terribile Russia del passato e del presente. Un futuro per questa Russia esiste per un solo uomo: Putin”, ha affermato Alena Epifanova, ricercatrice presso il Consiglio tedesco per le relazioni estere. “È pronto a uccidere chiunque si metta sulla sua strada. Oggi lo ha dimostrato ancora una volta”. Anche il ministro della Giustizia italiano ha speso parole di supporto per Navalny: “Quando ero giovane, ero un appassionato sostenitore del Samizdat, come allora si chiamava la letteratura dei dissidenti russi. Ho divorato i libri di Solgenitzin, ho seguito con tremore le vicende di Siniawski, Daniel e Sacharov. Pensavamo che quel sistema dittatoriale sovietico fosse stato sepolto nella vergogna, e ora riemerge. Oggi siamo tutti Navalny e l’Ucraina è la nostra frontiera. Ricordiamoci che la felicità è libertà, e la libertà è coraggio”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY