AMADEUS TRA SCHERZI E COMUNICATI UFFICIALI DELLA TV DI STATO, PARE SEMPRE PIÙ CERTO L'ADDIO ALLA RAI - WHAT-U

“Un’infinità di false notizie, riferite al contratto di Amadeus, anche attraverso autorevoli testate, stanno danneggiando l’Azienda Rai. Tutto questo è inaccettabile”. Queste le parole dell’amministratore delegato della Rai, Roberto Sergio – interpellato dall’Adnkronos a margine della conferenza stampa di ‘Vivicittà a Viale Mazzini, dopo l’incontro avuto nei giorni scorsi con Amadeus. Quali sarebbero le indiscrezioni su Amadeus in vista della scadenza del contratto del conduttore il 31 agosto? Quella che è circolata con maggiore insistenza che riguarda il possibile passaggio di Amadeus al canale Nove del gruppo Warner Bros Discovery. A dare il via alla ridda di rumor erano state martedì mattina le battute di Fiorello durante le dirette di Viva Rai2, proseguite anche stamattina con un secco annuncio tra le risate: “Amadeus lascia la Rai e va al Nove”, ha detto lo showman. Che ha poi aggiunto: “A me non hanno offerto nulla, nessuno mi ha chiamato. La mia risposta è: divano”, ha scherzato Fiorello.

In realtà su cosa abbia deciso il presentatore che dopo l’incontro avuto con Roberto Sergio, si sarebbe preso ancora qualche giorno per comunicare una decisione definitiva sul suo futuro, ci sono più dubbi che certezze. Anche se un’offerta del Gruppo Warner Bros Discovery, per far approdare Amadeus sul canale Nove, sarebbe cosa certa con una collocazione in access prime time, come primo approdo, che sarebbe indubbiamente la più sensata per il conduttore che accompagna da moltissimi anni il pubblico della fascia 20.30-21.20 su Raiuno. L’alternativa della Bros Discovery? Affidare ad Amadeus la direzione artistica di un grande evento musicale, con cui il conduttore e direttore artistico delle ultime cinque edizioni di Sanremo possa raccogliere l’eredità di quell’esperienza, accompagnata da record d’ascolti e di vendite musicali. Anche l’offerta della Rai per il rinnovo contrattuale sarebbe stata riformulata più volte in queste settimane, dopo il primo ‘no’ di Amadeus alla guida di Sanremo 2025, nel tentativo di evitare l’uscita del conduttore dal servizio pubblico.

Amadeus ovviamente in queste ore ha la bocca cucita, ma ieri ha postato sui social sia la notizia della sua conduzione delle due serate del concerto-evento Una Nessuna Centomila in Arena, che andranno in scena il 4 e il 5 maggio a Verona e saranno poi trasmesse con una sintesi in un’unica serata su Rai1 l’8 maggio, sia il video della consegna da parte di Warner Music Italy del quadro con tutte le certificazioni ottenute dagli artisti che hanno partecipato a Sanremo negli ultimi cinque anni. Insomma, la sensazione è che, fino all’annuncio ufficiale di una decisione, tutto sia possibile.

La nota Rai: “Troppe notizie fuorvianti e dannose”

“In merito alle numerose ricostruzioni apparse in questi giorni sui media e relative all’eventualità della conclusione del rapporto tra il Servizio Pubblico e Amadeus, Rai ribadisce che si tratta di interpretazioni dei fatti tanto false quanto dannose per l’azienda”, comunica quindi l’ufficio stampa Rai in una nota. “Ricostruzioni – prosegue la Rai – che appaiono tanto più fantasiose quando fanno riferimento a presunte pressioni che Rai avrebbe esercitato nei confronti di Amadeus che invece – come da lui stesso più volte ripetuto anche durante l’ultimo Festival di Sanremo – ha sempre goduto, nelle proprie scelte, della massima autonomia e libertà, che gli sono state riconosciute e garantite dalla Rai stessa, in nome della stima e della profonda fiducia, assolutamente mai venute meno”.

Secondo il sito Dagospia la decisione di Amadeus di passare alla Nove sarebbe certa. E dopo l’estate anche Fiorello seguirebbe Amadeus a Discovery

“Così”, scrive Dagospia, “si potrebbe creare un effetto slavina per l’uscita del conduttore da viale Mazzini che ormai sarebbe una questione di ore. Aggiungendo che l’incontro tra gli avvocati di Amadeus e i vertici della Rai per chiudere «definitivamente» il contratto del conduttore, sarebbe avvenuto oggi.  Come aveva già anticipato TvBlog, dando per certo il passaggio al canale Nove di Discovery dove Amadeus, alla ricerca di nuovi progetti, con maggiore libertà rispetto a quanta ne può garantire la Tv di Stato, diventerebbe anche il responsabile di tutta l’offerta dell’intrattenimento della rete.

Secondo il Dagoreport con la fine della prossima estate si soncluderebbe un altro clamoroso passaggio alla Nove, quello di Fiorello, che andrebbe ad affiancare il già accasato Fabio Fazio con Che tempo che fa, oltre a Maurizio Crozza con il suo show.

La smentita di Fiorello

Fiorello aveva già provato a dire la sua sulle voci sempre più insistenti che volevano Amadeus in uscita dalla Rai. Proprio oggi in diretta a VivaRai2 ha detto di volersi tenere a debita distanza delle indiscrezioni che lo vedevano coinvolto: «Ma se va via Amadeus, va via anche Fiorello? Ma non facciamo tutto insieme, poi La Nove mica mi si può permettere: Amadeus lo prendono, ma a me no». Insomma il retroscena di Dagospia ha però riacceso le voci, diventate rapidamente virali sui social. Lo stesso Fiorello non ha potuto evitarle. E su X lo showman ha smentito a modo suo: «Ancora??? Ma la volete finire?? Io andrò su Raitre!».



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY