TRUMP A PROCESSO PER I 130MILA DOLLARI PAGATI DAL SUO EX AVVOCATO, COHEN, ALL'ATTRICE PORNO STORMY DANIELS - WHAT-U

low angle photography of gray concrete building under blue sky
Photo by Priya Karkare on Pexels.com

L’ex presidente Donald Trump martedì 16 aprile è tornato ad essere protagonista delle cronache sempre nelle vesti di imputato questa volta nel tribunale penale di Manhattan a New York per l’accusa di aver falsificato documenti aziendali per coprire uno scandalo sessuale durante la sua campagna del 2016. Un processo incentrato su un pagamento di 130.000 dollari che Michael Cohen, il suo ex avvocato e faccendiere personale di Trump, avrebbe effettuato all’attrice porno Stormy Daniels per evitare che le sue affermazioni su un incontro sessuale con il tycoon diventassero pubbliche negli ultimi giorni della corsa del 2016.

Con una giuria composta di 7 uomini e 5 donne, tra questi un professionista delle vendite, un ingegnere del software, un ingegnere della sicurezza, un insegnante, un logopedista, diversi avvocati, un banchiere specializzato investimenti e un gestore patrimoniale in pensione, i pubblici ministeri arriveranno al giudizio finale che segnerà ineludibilmente il destino di Trump. Perché questo è il primo processo in assoluto contro un ex presidente americano in corsa per la Casa Bianca e ciò significa che il presunto candidato repubblicano trascorrerà i suoi giorni in tribunale confrontandosi con testimonianze poco lusinghiere sulla sua vita personale cercando di rivendicare tutto ciò che ha fatto di positivo durante i suoi quattro anni da presidente degli Stati Uniti. La selezione della giuria è proceduta a ritmo lento giovedì scorso. I potenziali giurati sono stati messi al setaccio, interrogati sui loro post sui social media, sulla vita personale e sulle opinioni politiche per scovare qualsiasi pregiudizio che potesse impedire loro di essere imparziali.  E alla fine, due giurati sono stati estromessi, una dopo aver espresso dubbi sulla sua capacità di essere onesta in seguito alla divulgazione di dettagli sulla sua identità e l’altro perché preoccupato che alcune delle sue risposte in tribunale avrebbero potuto essere inaccurate. I pubblici ministeri affermano che Trump ha nascosto la vera natura dei pagamenti nei registri interni quando la sua azienda ha rimborsato Cohen, che si è dichiarato colpevole delle accuse nel 2018 e quindi proprio lui dovrebbe essere un testimone chiave per l’accusa. Trump ha negato di aver avuto un incontro sessuale con la Daniels, e i suoi avvocati sostengono che i pagamenti a Cohen fossero spese legali legittime. Ora Trump deve affrontare numerosi capi di imputazione per la presunta falsificazione di documenti aziendali. Se condannato, rischia fino a quattro anni di carcere, anche se non è chiaro se il giudice possa metterlo dietro le sbarre. Perché Trump quasi certamente farebbe appello a qualsiasi condanna.

L’ex presidente in totale deve affrontare quattro procedimenti penali, ma non è chiaro se tutti gli altri procedimenti verranno processati prima delle elezioni di novembre. Quali le accuse? Avere complottato per ribaltare i risultati delle elezioni del 2020, avere ostacolato un procedimento ufficiale accumulando illegalmente documenti riservati, complottando contro gli Stati Uniti. Lunedì l’ufficio del procuratore distrettuale ha chiesto una multa di 3.000 dollari a Trump per tre post di Truth Social che, secondo loro, violavano l’ordine di silenzio del giudice che limita ciò che può dire pubblicamente sui testimoni. Da allora, i pubblici ministeri hanno affermato che Trump ha pubblicato altri sette post che violano l’ordine.

Molti dei post riguardavano un articolo che si riferiva all’ex avvocato di Trump Michael Cohen definito uno “spergiuro seriale”. L’avvocato di Trump, Emil Bove, ha detto che Cohen “ha attaccato il presidente Trump in dichiarazioni pubbliche” e Trump stava semplicemente rispondendo. Il giudice ha già fissato per la prossima settimana un’udienza sulla richiesta dell’accusa di sanzionare il tycoon per oltraggio nei confronti delle persone che hanno collaborato con lui. Ne vedremo delle belle e tante saranno le sorprese.  Questa è l’unica cosa per ora assicurata.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY