TRUMP LE SPESE LEGALI FRENANO LA SUA CORSA ALLA PRESIDENZA, MA NON LA FERMANO - WHAT-U

american and chinese flags and usa dollars
Photo by Karolina Grabowska on Pexels.com

In seguito all’annuncio dell’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) dell’avvio di un’altra indagine della Sezione 301 sui settori marittimo, logistico e della costruzione navale cinese, alcuni giorni fa il presidente degli Stati Uniti Joe Biden – si legge in un comunicato della Casa Bianca – ha deciso e chiesto all’USTR di aumentare le tariffe sulle importazioni di acciaio e alluminio dalla Cina – già soggette ai dazi dell’era Trump – dal 7,5% al ​​22,5%. Una decisione necessaria dopo le pressioni che gli Usa hanno fatto sul Messico per impedire che il trasferimento di acciaio e alluminio per eludere le tariffe più alte, passi sul suo territorio.

La nuova indagine del Trade Act del 1974 è stata avviata dopo aver esaminato una petizione di 137 pagine, appoggiata anche da due senatori statunitensi, i democratici Tammy Baldwin del Wisconsin e Bob Casey della Pennsylvania, presentata all’ufficio USTR il 12 marzo, da cinque sindacati nazionali, che accusavano la Cina di utilizzare “politiche e pratiche sleali e non di mercato” per “dominare i settori marittimo, logistico, e i settori della costruzione navale ”, ha affermato l’ufficio USTR. “Le accuse riflettono ciò che abbiamo già visto in altri settori, dove [la Cina] utilizza un’ampia gamma di politiche e pratiche non di mercato per minare la concorrenza leale e dominare il mercato, sia in Cina sia a livello globale”, ha spiegato la rappresentante commerciale statunitense Katherine Tai. Se l’indagine dimostrerà che il commercio statunitense è stato realmente danneggiato, come è già in parte emerso dopo la scoperta di alcune pratiche “non corrette” di Pechino, tra queste quella di ordinare alle aziende cinesi di acquistare e utilizzare prodotti fabbricati in Cina, dirigere fusioni e bloccare alleanze con società straniere, l’USTR potrà intraprendere “le azioni necessarie” per porre rimedio alle pratiche sleali, inclusa l’imposizione di dazi e altre restrizioni come l’aggiunta o l’aumento delle tasse.

Una battaglia già iniziata da Trump dal 2017 al 2021, quando ha avviato varie indagini della Sezione 301 sulle importazioni cinesi e ha imposto tariffe punitive, che hanno innescato ritorsioni da parte della Cina e dato inizio a una guerra commerciale che continua ancora oggi.

Ma Trump ora è impegnato a difendersi in tribunale a Manhattan

Domani, lunedì 22 aprile, riprenderà il processo che vede sul banco degli imputati Donald Trump, voluto dal procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg e che ha segnato un record portando sul banco degli imputati di un processo penale, per la prima volta nella storia americana, un ex presidente degli Stati Uniti. Un processo storico a suo carico che potrebbe fermare per sempre, se fosse giudicato colpevole, la sua corsa  alla Casa Bianca. Trentaquattro i capi di imputazione per falsificazione di documenti aziendali in relazione a un pagamento di 130.000 dollari effettuato dal suo avvocato a un’attrice del porno con la quale Trump avrebbe avuto una fugace relazione per comprare il suo silenzio poco prima delle elezioni del 2016. Lui però continua a negare la storia.

Save America ha pagato complessivamente 1,14 milioni di dollari a marzo a Blanche Law e NechelesLaw LLP, i cui mandanti hanno affiancato Trump in tribunale durante la selezione della giuria negli ultimi giorni. Spese legali che cominciano a influire sulla capacità di spesa dell’ex presidente per la sua campagna elettorale e che a marzo hanno offerto l’opportunità al presidente Joe Biden e al Comitato nazionale democratico di ampliare il loro vantaggio in termini di liquidità rispetto a Trump e al GOP. Il principale comitato elettorale di Biden ad aprile vantava 85,5 milioni di dollari nel suo fondo spese, mentre quello di Trump aveva solo 45,1 milioni di dollari. E questo stacco ha offerto l’opportunità a Biden, di investire quasi 22 milioni di dollari nella produzione e nel posizionamento di annunci pubblicitari.

Save America ha fatto affidamento su decine di milioni di dollari recuperati da un super PAC di Trump, MAGA Inc., per mantenersi a galla toccando quota 57,25 milioni di dollari. Ma questa fonte di denaro presto si esaurirà. Il PAC dirigente ha donato un totale di 60 milioni di dollari a MAGA Inc. e non può chiedere altro. Il primo grande evento sotto l’egida del nuovo comitato di raccolta fondi – una cena nella casa di un investitore miliardario in Florida – ha raccolto la cifra record di 50,5 milioni di dollari, secondo la campagna di Trump.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY