[gtranslate] I MONITI SENZA EFFETTO DI BIDEN - WHAT-U

man holding signal smoke
Photo by Pixabay on Pexels.com

Quando conta per l’Iran il presidente Biden? Purtroppo pochissimo quasi niente. La prova l’abbiamo avuta quando ha chiesto imperiosamente all’Iran di non attaccare Israele con un tono di ammonizione per sottolineare quel “Non fatelo” era una via di non ritorno. Invece non è servito a nulla perché la dittatura teocratica iraniana non presta alcuna attenzione a Biden da molto tempo. E la dimostrazione sta nel fatto che l’Iran e i suoi delegati hanno ucciso decine e decine di americani, hanno regolarmente sparato contro le basi e navi statunitensi e ignorando con grande nonchalance anche questo monito presidenziale hanno sparato nel cielo 335 droni e missili. Avremmo potuto aspettarci una reazione seria da parte di un presidente che aveva pubblicamente dato istruzioni all’Iran di non attaccare. Invece, Biden ha poi cercato laconicamente di persuadere gli israeliani a non rivendicare il torto subito. Ripetendo l’errore che fece quando ignorò il pallone spia del Partito Comunista Cinese quando attraversò i cieli americani.  Quando l’esercito americano avvertì il presidente Biden che lasciare l’Afghanistan troppo in fretta avrebbe fatto crollare il governo filoamericano sviluppato in 22 anni, lui ha ignorato il consiglio. Si è mosso così velocemente da garantire che i talebani avrebbero vinto la guerra.

Così la mancanza di un’adeguata programmazione e di una meticolosa attuazione di un piano di evacuazione di decine di migliaia di cittadini americani e dei partner della coalizione, compreso tutto il personale civile non diplomatico, addestratori, consulenti, personale medico, dei servizi di supporto e le migliaia di cittadini afghani che in oltre 20 anni di guerra hanno collaborato e creduto nell’Occidente, hanno creato le condizioni affinché si realizzasse uno dei peggiori scenari possibili, previsto dalla CIA, ma ritenuto poco probabile dal presidente Biden e dal suo Staff di sicurezza nazionale. E le falle sono venute fuori anche dopo che l’Iran ha pianificato, equipaggiato e finanziato l’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre. All’inizio Biden si è mostrato propenso ad aiutare Israele poi quando Israele ha iniziato a vincere, Biden ha iniziato a manifestare preoccupazione per la popolazione della Striscia di Gaza che ha dato rifugio e sostenuto ad Hamas. Alla Convention nazionale repubblicana del 1984, Jeane Kirkpatrick, all’epoca ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, descrisse con lungimiranza ciò che Biden e i democratici sono diventati da allora. Gli “incolpa prima l’America”, perché qualunque cosa accada nel mondo, “incolpano sempre prima l’America”. E citando il grande analista francese Jean Francois Revel, aggiunse: “Chiaramente, una civiltà che si sente in colpa per tutto ciò che è e fa, non avrà l’energia e la convinzione per difendersi”.

Oggi ci sono fanatici americani a Chicago che cantano “morte all’America”. In quattro città, ci sono altri fanatici che occupano gli uffici di Google chiedendo che il colosso della tecnologia rinunci al contratto che aiuta Israele a difendersi. È facile vedere il danno che sta causando il relativismo morale dei democratici. Imboccando una strada che potrebbe rappresentare un boomerang.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY