[gtranslate] ISRAELE VS HAMAS, COSA STA ACCADENDO IN QUESTE ORE. I TIMORI DI NETANYAHU - WHAT-U

people standing in front of temple
Photo by BECCA SIEGEL on Pexels.com

Perché Israele ce l’ha così tanto con Hamas e ha deciso di non abbandonare l’intento di lanciare un attacco? Perché il governo di Netanyahu è convinto che a Rafah, città nel sud della Striscia di Gaza, ci siano ancora persone che operano per conto di Hamas. Quindi? Per molti analisti, il messaggio del governo israeliano è chiaro: non ci sarà un cessate il fuoco permanente e la guerra devastante contro Gaza continuerà. “Israele vuole riservarsi il diritto di continuare le operazioni a Gaza”, ha detto Mairav ​​Zonszein, analista senior su Israele-Palestina per l’International Crisis Group (ICG) ad Al Jazeera, aggiungendo che un accordo sarà impossibile finché Israele si rifiuterà di porre fine alla guerra, per sempre. Il bombardamento di Rafah da parte di Israele ha l’apparente scopo di sciogliere i battaglioni di Hamas che secondo Netanyahu si sono stanziati nell’enclave assediata per contrabbandare armi.

Rafah è diventata l’ultimo rifugio per i palestinesi in fuga dagli attacchi israeliani nelle regioni settentrionali e centrali dell’enclave, ma l’esercito israeliano dice che non ci saranno passi indietro.

Ma dopo aver condotto operazioni di terra nel resto di Gaza, e con Hamas ancora operativo e decine di prigionieri israeliani ancora detenuti, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha iniziato il suo attacco , anche se è ancora da determinare fino a che punto si spingeranno le sue forze a Rafah.

L’enigma che Netanyahu si trova ad affrontare è che ha promesso alla vittoria pubblica israeliana contro Hamas – e che la grande maggioranza degli ebrei israeliani sostiene un’invasione di Rafah, secondo un sondaggio condotto a marzo dall’Israeli Democracy Institute. Ma gli Stati Uniti, nonostante il loro schiacciante sostegno a Israele durante tutta la guerra a Gaza, hanno chiarito che non sosterranno un’invasione su vasta scala.

Il gabinetto di guerra israeliano potrebbe cercare di soddisfare l’opinione pubblica portando avanti l’offensiva di Rafah e rifiutando inizialmente un cessate il fuoco, ha affermato Hugh Lovatt, esperto di Israele-Palestina presso il Consiglio Europeo per le Relazioni Estere (ECFR). “Potrebbe essere troppo difficile per il governo israeliano accettare una proposta che viene vista [dall’opinione pubblica israeliana] come una resa alle condizioni di Hamas”, ha detto ad Al Jazeera. Quello che è certo è che la carriera politica di Netanyahu dipende anche dalla continuazione della guerra a Gaza, hanno detto gli analisti ad Al Jazeera. Hanno spiegato che un cessate il fuoco permanente potrebbe portare al collasso della sua coalizione di estrema destra, provocando elezioni anticipate e la sua rimozione dal potere. Secondo quanto riferito, il ministro israeliano della sicurezza nazionale di estrema destra, Itamar Ben-Gvir, e il ministro delle finanze, Bezalel Smotrich, hanno entrambi minacciato di abbandonare e far crollare la coalizione di Netanyahu se Israele accettasse un accordo vincolante e un cessate il fuoco. Khaled Elgindy, analista su Israele-Palestina per il Middle East Institute, ritiene che l’accettazione da parte di Hamas di una proposta di cessate il fuoco metterà Netanyahu in una posizione imbarazzante poiché non potrà più sostenere che un accordo ragionevole non sia sul tavolo. “Netanyahu ha bisogno che la guerra continui e si espanda per poter restare al potere. Personalmente non ha incentivi”, ha detto ad Al Jazeera.

A maggio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha messo in guardia Netanyahu dall’invasione di Rafah e ha affermato che tale mossa rappresenterebbe una “linea rossa” e la minaccia di sospendere gli aiuti militari ora sia divenuta un dato di fatto. “Sembra che Israele stia aggirando una proposta di cessate il fuoco su cui ha lavorato Will Burns. Questa è una mossa massiccia contro la diplomazia statunitense e penso che gli Stati Uniti debbano puntare i piedi”, ha detto Lovatt ad Al Jazeera.

“Si tratta di salvare Netanyahu da se stesso e salvare Israele da se stesso”.

Gli Stati Uniti hanno ritardato la vendita di migliaia di armi di precisione a Israele, ma Elgindy è scettico sul fatto che gli Stati Uniti eserciteranno maggiori pressioni per evitare una catastrofe a Rafah. Ha detto che Biden non sembra ancora comprendere l’errore strategico di Israele a Gaza o la portata del disastro che ha provocato.“Alcune persone nell’amministrazione Biden sono arrivate a questa conclusione [che Israele ha commesso un errore strategico], ma non sono coloro che prendono le decisioni. Non sono il presidente”, ha detto ad Al Jazeera.

Zonszein, del Crisis Group, ha aggiunto che non è chiaro fino a che punto gli Stati Uniti si spingeranno per spingere Netanyahu ad accettare un cessate il fuoco. Ha detto che gli Stati Uniti sembrano aver dato ai mediatori garanzie private che qualsiasi cessate il fuoco alla fine porterebbe alla fine permanente della guerra. “Gli Stati Uniti sono molto interessati a fermare questa invasione di Rafah e penso che abbiano la capacità di fermarla”, ha detto. “Semplicemente non vuole dare l’impressione di aiutare Hamas, quindi è una situazione complicata.”

Perché Israele si è trasferito a Rafah?

All’inizio di questa settimana migliaia di persone hanno lasciato i quartieri orientali di Rafah, nel sud di Gaza, dopo che le forze di difesa israeliane (IDF) hanno detto alle persone di trasferirsi in una “zona umanitaria” a nord-ovest della città per evitare di essere ferite in un attacco imminente. Cosa è accaduto? Dopo una settimana di stallo, nonostante l’accettazione di Hamas di un cessate il fuoco proposto dai mediatori ossia Egitto e Qatar, Israele ha sollevato molti dubbi sulle reali buone intenzioni del nemico, sollevando numerosi dubbi riguardo la possibilità di arrivare a un accordo perché il punto cruciale per Israele resta quello di liberare il territorio palestinese del valico di frontiera di Rafah con l’Egitto dai terroristi che il 7 ottobre hanno ucciso e preso in ostaggio 253 persone nell’attacco nel Sud dello stato ebraico, segnando un punto di svolta per la storia di Israele e dei territori palestinesi e. più in generale, per quella del Medio Oriente. Ecco il motivo per cui dopo gli attacchi aerei notturni, martedì l’IDF ha inviato una colonna di carri armati e altri veicoli blindati per impadronirsi del lato palestinese del valico di frontiera di Rafah con l’Egitto. Nonostante la contrarietà degli Stati Uniti.


Unrwa: “Richiuso valico di Kerem Shalom, Israele apra e consenta ingresso agli aiuti”

L’agenzia dell’ Onu per i Rifugiati palestinesi Unrwa sostiene in una nota che, contrariamente a quanto annunciato ieri da Israele, entrambi i valichi verso la Striscia di Gaza di Kerem Shalom e Rafah restano chiusi e ne sollecita “l’immediata riapertura”. L’agenzia di stampa palestinese Wafa ha riferito che le autorità israeliane avrebbero richiuso il valico di Kerem Shalom questo pomeriggio, dopo l’ingresso di un unico camion di carburante consegnato all’ Unrwa, e dopo vari giorni di chiusura. “I due valichi sono chiusi e noi chiediamo la loro riapertura” – ha detto la portavoce dell’agenzia Juliet Touma, spiegando che si è reso necessario razionare il carburante e il fabbisogno giornaliero per scopi umanitari.  


Cosa significa per i palestinesi la chiusura del valico di Rafah?

Il passaggio è stato un’àncora di salvezza verso il mondo esterno per i palestinesi di Gaza, consentendo la consegna di aiuti e l’evacuazione dei pazienti da un sistema sanitario al collasso. Chiuderlo è una “condanna a morte” contro il popolo di Gaza, in particolare contro i malati e i feriti, afferma la Gaza Crossings Authority, gestita dai palestinesi. Anche l’unico altro punto di passaggio nel sud – Kerem Shalom – attraverso il quale sono stati recentemente consegnati la maggior parte degli aiuti a Gaza, è stato chiuso dopo un attacco missilistico di Hamas.


Cosa c’è nell’accordo che Hamas ha accettato?

Ciò non è chiaro, anche se si conoscono le grandi linee e Al Jazeera ha pubblicato quella che la rete del Qatar definisce una bozza. Al centro c’è lo scambio di ostaggi sequestrati da Hamas durante l’attacco in Israele del 7 ottobre con prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane e il ritiro delle forze israeliane da Gaza. Formule complesse determinano quanti di quale categoria di prigionieri e ostaggi – vecchi, giovani, uomini, donne, malati o sani, militari o civili, condannati o meno – verranno rilasciati e quando. Probabilmente ci sarebbe un cessate il fuoco iniziale di 42 giorni, seguito da due estensioni di durata simile se entrambe le parti rispettassero l’accordo. Le truppe israeliane si ritirerebbero da Gaza, anche se i tempi e la portata di ciò rappresentano un punto controverso. Le restrizioni israeliane sugli aiuti verrebbero rimosse e la fornitura dei servizi di base, interrotta da Israele nei primi giorni del conflitto, sarebbe ripristinata.

L’accordo, che è stato redatto principalmente da funzionari egiziani e del Qatar, obbligherebbe entrambe le parti a lavorare per una “calma sostenibile” – una formulazione che potrebbe suggerire sia la fine permanente delle ostilità richiesta da Hamas, sia la pausa temporanea voluta da Israele.


Qual è il prossimo passo nei colloqui?

Israele aveva fatto sapere che nei prossimi giorni avrebbe inviato una delegazione al Cairo per discutere con i mediatori la proposta che i leader di Hamas avevano dichiarato di aver accettato.


Monitoraggio di Rafah

Hamas ha cercato un cessate il fuoco permanente che, di fatto, mettesse fine alla guerra, iniziata a ottobre quando i suoi combattenti hanno attraversato il confine uccidendo almeno 1.200 persone, per lo più civili, e prendendo in ostaggio centinaia di altre. Israele voleva una sospensione temporanea dei combattimenti che consentisse lo scambio degli ostaggi detenuti a Gaza con prigionieri palestinesi. Ora è probabile che la pressione su Israele aumenti. Il re giordano Abdullah II, che lunedì ha incontrato Biden alla Casa Bianca , ha condannato fermamente gli ultimi attacchi missilistici su Rafah. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a New York ha lanciato un appello a Israele affinché accetti un cessate il fuoco. In Israele , il leader dell’opposizione e un gruppo che rappresenta le famiglie degli ostaggi israeliani ancora detenuti da Hamas hanno contestato l’operato di Netanyahu. Ieri un attacco aereo israeliano su Gaza City ha ucciso almeno otto persone, secondo i testimoni e il dott. Amjad Ailawa dell’ospedale battista Al-Ahli citato dalla Cnn. Il medico ha anche detto che tra le vittime c’erano dei bambini e che decine sono rimasti feriti.


Usa: l’evacuazione da Rafah non ha avuto la nostra approvazione

L’evacuazione di 100.000 persone a Rafah da parte di Israele “non ha avuto la nostra approvazione”. Lo ha detto il portavoce del dipartimento di Stato americano, Matthew Miller, in un briefing con la stampa. “L’evacuazione porterà ad altre operazioni di questo tipo e gli sfollati non hanno un posto sicuro dove andare. Siamo contrari”.


Cnn: Israele ha espresso agli Usa “frustrazione” per lo stop all’invio di armi

Funzionari israeliani hanno espresso  in privato ai loro omologhi statunitensi “profonda frustrazione” per  la decisione dell’Amministrazione Biden di bloccare una spedizione di  potenti bombe allo Stato ebraico per il timore che vengano usate a  Rafah. Lo ha riferito una fonte informata citata dalla Cnn, secondo  cui i funzionari hanno espresso preoccupazione “che la mossa possa  mettere a repentaglio i negoziati per l’accordo sugli ostaggi in un  momento critico”. Israele, ha aggiunto la fonte, ha anche sottolineato che “la pressione dovrebbe essere diretta verso Hamas” e ha ribadito  di aspettarsi che gli Stati Uniti continuino ad essere al suo fianco


Il segretario Usa Austin ha confermato lo stop della fornitura di armi a Israele

Il segretario Usa alla Difesa Lloyd Austin è il primo alto funzionario statunitense a confermare pubblicamente di aver messo in pausa un trasferimento di armi a Israele per le preoccupazioni legate all’operazione militare a Rafah, lo scrive Haaretz. “Stiamo attualmente rivedendo alcuni aiuti alla sicurezza a breve termine. Nel contesto degli eventi in corso a Rafah”, ha detto a una commissione del Senato.


Finito l’incontro tra il capo della Cia e Netanyahu poco prima Burns aveva visto anche il direttore del Mossad

È terminato ieri nel primo pomeriggio l’incontro del direttore della Cia William Burns con il premier Benyamin Netanyahu sull’accordo per una tregua a Gaza e i colloqui al Cairo. Poco prima – secondo i media – Burns aveva visto anche il capo del Mossad David Barnea. Ieri sera era previsto un altro vertice nell’ambito del gabinetto di guerra. Hamas ha fatto sapere che sono finiti i colloqui al Cairo e che Netanyahu è tornato al punto di partenza. Lo riferisce Haaretz citando anche una fonte israeliana secondo cui non c’è stata “una svolta” nei negoziati, pur se la delegazione resti nella capitale egiziana.  “Circa 50.000 persone” hanno lasciato la città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, nelle ultime 48 ore dopo l’ordine di evacuazione arrivato da Israele. Lo ha detto alla Cnn il vice direttore per gli Affari a Gaza dell’agenzia Onu Unrwa, Scott Anderson. “Abbiamo registrato circa 50.000 persone in partenza da Rafah nelle ultime 48 ore. Li abbiamo visti andare a Khan Younis, alcuni sono andati nell’area umanitaria ampliata di Al-Mawasi, altri sono andati a Deir al-Balah”, ha precisato Anderson.


Tajani: “Mi fido di tutti i mediatori sul conflitto a Gaza, credo molto nel lavoro dell’ Egitto”

“Mi fido di tutti gli intermediari che hanno interesse a risolvere il problema palestinese. Quindi mi fido assolutamente”: così il ministro degli esteri Antonio Tajani ha risposto, a margine dell’assemblea di Confcooperative, a chi gli chiedeva se si fidasse della mediazione dell’ Egitto in merito al conflitto tra Hamas e Israele. “Credo molto – ha aggiunto – nel lavoro del ministro degli esteri egiziano, che ho incontrato a Riad una settimana fa. Sono convinto che i paesi che stanno lavorando per la mediazione faranno tutto il possibile affinchè gli accordi siano rispettati”.  


Hamas: “Trovata terza fossa comune con 49 corpi ad Al-Shifa”

Hamas ha annunciato che squadre mediche hanno trovato una terza fossa comune all’interno dell’ospedale Al-Shifa di Gaza City con 49 corpi finora recuperati. Secondo Hamas finora sono state trovate un totale di sette fosse comuni all’interno degli ospedali di Gaza. L’agenzia delle Nazioni Unite Unrwa ha affermato che nessun aiuto è ancora entrato a Gaza attraverso il valico di Kerem Shalom dopo che stamattina Israele ha dichiarato di aver riaperto il valico di frontiera e che i camion degli aiuti provenienti dall’ Egitto erano già sottoposti a ispezioni prima del loro arrivo a Gaza. 


Iran: “Tutto pronto per la tregua se Usa mantengono le promesse”

“Se gli Usa e i paesi Occidentali manterranno le loro promesse e aderiranno davvero al cessate il fuoco in questa fase, tutto è pronto per un cessate il fuoco stabile e una soluzione per la crisi di Gaza”. Lo ha affermato il ministro degli esteri iraniano, Hossein Amirabdollahian, in riferimento all’accettazione da parte di Hamas del piano per un cessate il fuoco presentato dal Qatar e dall’ Egitto. “Ci siamo concentrati sull’attuazione di un cessate il fuoco a Gaza, sulla base di un accordo non scritto con gli stati Occidentali, che ci hanno assicurato che si sarebbero mossi in quella direzione, e speriamo che mantengano il loro impegno”, ha aggiunto Amirabdollahian, come riporta la tv di Stato iraniana. “Il premier israeliano Benjamin Netanyahu e alcuni estremisti hanno fatto tutto il possibile per prolungare la guerra a Gaza, perchè sanno che dovranno affrontare una nuova crisi nei territori occupati dopo il cessate il fuoco e la fine del conflitto”, ha sottolineato il capo della diplomazia di Teheran.  


Ieri Burns è arrivato in Israele per incontrare Netanyahu

Il direttore della Cia William Burns ieri è arrivato in Israele per incontrare il premier Benyamin Netanyahu e parlare dei negoziati al Cairo.


Tajani: “Cessata vendita armi a Israele il 7 ottobre”

“Noi abbiamo cessato dal 7 ottobre la vendita di armi a Israele, come facciamo con tutti i paesi che sono in guerra. Questa è la legge italiana”. Così il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, a margine della conferenza di presentazione del progetto “Sport e Innovazione Made in Italy”, rispondendo a una domanda sull’escalation a Rafah e sulla sospensione dell’invio di armi a Israele da parte degli Usa. “Continuiamo a promuovere iniziative di pace – ha proseguito – Ho incontrato tutti i ministri degli esteri dei paesi coinvolti e continuiamo a spingere perché ci possa essere un cessate il fuoco per permettere la liberazione degli ostaggi israeliani e il rinvio di un attacco a Rafah per salvare il maggior numero possibile di vite umane e per permettere l’invio di beni alimentari e non solo alla popolazione palestinese, che sta vivendo un momento di estrema difficoltà. Siamo preoccupati per ciò che sta accadendo e faremo di tutto per aiutare anche attraverso il progetto italiano Food for Gaza promosso dal Ministero degli Esteri e dal governo italiano per aiutare la popolazione civile palestinese”.  


Hagari: “Presentato piano per un anno di guerra a Gaza”.

“Non inganneremo l’opinione pubblica: anche dopo che ci saremo presi cura di Rafah, ci sarà il terrorismo. Hamas si sposterà a nord e si riorganizzerà”. Lo ha detto il portavoce delle forse armate israeliane, Daniel Hagari al quotidiano Yedioth Ahronot aggiungendo che l’ Idf ha “presentato un piano al governo per combattimenti a Gaza che dovrebbero durare un anno”. “Gaza – ha sottolineato – è forse uno dei teatri più difficili al mondo: sovraffollata e piena di tunnel”. “Andiamo incontro ad anni difficili e dovremo spiegarlo sia all’interno sia all’esterno”. Hagari ha quindi detto che l’ Idf si è assunto la responsabilità per il “fallimento” del 7 ottobre. I negoziati per una tregua sono ripresi oggi al Cairo, “alla presenza di tutte le parti”. Lo ha riportato il canale al Qahera News, un media vicino alle autorità egiziane. Il Cairo ospita attualmente delegazioni di Hamas e Israele, oltre che del Qatar e degli Stati Uniti, Paesi che, con l’Egitto, svolgono il ruolo di mediatori. Il messaggio del governo israeliano è chiaro: non ci sarà un cessate il fuoco permanente e la guerra devastante contro Gaza continuerà. “Israele vuole riservarsi il diritto di continuare le operazioni a Gaza”, ha detto Mairav ​​Zonszein, analista senior su Israele-Palestina per l’International Crisis Group (ICG). Il bombardamento di Rafah da parte di Israele ha l’apparente scopo di sciogliere i battaglioni di Hamas e prendere il controllo del valico Gaza-Egitto, che Israele accusa Hamas di utilizzare per contrabbandare armi nell’enclave assediata.


Il dilemma del leader israeliano

La carriera politica di Netanyahu dipende anche dalla continuazione della guerra a Gaza, hanno detto gli analisti ad Al Jazeera. Hanno spiegato che un cessate il fuoco permanente potrebbe portare al collasso della sua coalizione di estrema destra, provocando elezioni anticipate e la sua rimozione dal potere. Secondo quanto riferito, il ministro israeliano della sicurezza nazionale di estrema destra, Itamar Ben-Gvir, e il ministro delle finanze, Bezalel Smotrich, hanno entrambi minacciato di abbandonare e far crollare la coalizione di Netanyahu se Israele accettasse un accordo vincolante e un cessate il fuoco. Khaled Elgindy, analista su Israele-Palestina per il Middle East Institute, ritiene che l’accettazione da parte di Hamas di una proposta di blocco delle rappresaglie metterebbe Netanyahu in una posizione imbarazzante. “Netanyahu ha bisogno che la guerra continui e si espanda per poter restare al potere. Personalmente non ha incentivi”, ha detto ad Al Jazeera. Lovatt, dell’ECFR, ha aggiunto che l’invasione di Rafah comporta anche rischi a medio e lungo termine per Netanyahu e Israele e ha aggiunto che se Israele intensificherà significativamente la sua offensiva su Rafah, perderà i restanti prigionieri israeliani senza avvicinarsi all’obiettivo dichiarato di “sradicare Hamas”. “Se Israele entra a Rafah e provoca carneficine e danni, allora non si avvicinerà al suo obiettivo strategico e penso che ciò creerà ulteriori complicazioni per Netanyahu nelle settimane e nei mesi a venire”, ha detto ad Al Jazeera. Biden ha messo in guardia Netanyahu dall’invasione di Rafah dicendo che questa mossa rappresenterebbe una “linea rossa”.

“Si tratta di salvare Netanyahu da se stesso e salvare Israele da se stesso”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY