[gtranslate] ELEZIONI, GLI AMERICANI NON SONO INTERESSATI AL DUELLO TRA TRUMP E BIDEN. VENTI FAVOREVOLI SOFFIANO PER KENNEDY JR. - WHAT-U

silhouette of four person with flag of united states background
Photo by Brett Sayles on Pexels.com

Alla Convention del partito libertario a Washington l’ex presidente Usa Donald Trump è stato fischiato ripetutamente da una folla che urlava insulti e lo denigrava rinfacciandogli le sue politiche sul COVID-19 e gli enormi deficit federali accumulati durante il suo mandato. Ma se appena salito sul palco, molti detrattori gli hanno dato contro, altrettanti sostenitori presenti vestiti con cappelli e magliette con la scritta “Make America Great” lo hanno applaudito e hanno cantato, per sostenerlo, “USA! STATI UNITI D’AMERICA!” Una folla divisa che potrebbe far pensare a un cambiamento significativo di cui tenere conto a meno di 6 mesi dalle elezioni perché Trump di solito è abituato a organizzare manifestazioni di fronte a folle sempre adoranti.

D’altra parte c’era da aspettarselo tenuto conto che i libertari, che hanno sempre dato la priorità ai piccoli governi come risposta avversa al potere incontrastato dei monarchi assoluti, sono apertamente scettici nei confronti dell’ex presidente, questo il motivo per cui hanno cercato di sminuirlo urlando fra la folla l’elenco delle quattro accuse penali contro di lui. Ma Trump è uno che non si fa cogliere in contropiede  e canzonatorio ha detto: “Non sono stato un libertario prima, di sicuro non lo sarò adesso”.

Trump ha poi definito il presidente Joe Biden un “tiranno”, il “peggior presidente nella storia degli Stati Uniti”, ricevendo come risposta le urla di chi diceva che semmai è esattamente il contrario. I libertari sceglieranno il loro candidato alla Casa Bianca durante la convention, che si concluderà tra poche ore. Tra i papabili anche  il candidato presidenziale indipendente Robert F. Kennedy Jr., che venerdì ha tenuto il suo discorso alla convention libertaria .

Da mesi i sondaggi fanno emergere che la maggior parte degli elettori non vuole una rivincita tra Trump e il presidente Joe Biden . E questo potenzialmente lascia intendere che gli americani potrebbero essere più attratti in alternativa dalla candidatura di un libertario o di Kennedy Jr. Trump ha cercato di conquistare la folla promettendo di includere un libertario nel suo gabinetto, ma molti tra la folla lo hanno fischiato. Un grande applauso invece è arrivato quando ha promesso di commutare la condanna all’ergastolo di Silk Road, Ross Ulbricht, con l’obiettivo di rilasciarlo in tempo. Pro e contro Trump si sono scontrati anche sulla disposizione dei posti. Circa due ore prima dell’arrivo dell’ex presidente, gli organizzatori libertari hanno chiesto ai sostenitori di Trump presenti tra la folla di lasciare libere le prime quattro file. Volevano che i delegati della convention – molti dei quali affermavano di aver viaggiato da tutto il paese e di aver acquistato biglietti costosi per assistere ai lavori – potessero sedersi abbastanza vicino da ascoltare il discorso. Molti degli occupanti dei posti originali si sono spostati, ma alla fine gli organizzatori hanno aggiunto più posti per calmare le acque.

Critico nei confronti di Trump, Peter Goettler, presidente e amministratore delegato del libertario Cato Institute, che ha affermato in un articolo sul Washington Post che l’apparizione dell’ex presidente ha violato i valori fondamentali del gruppo libertario. Sabato sera Trump non si è soffermato su Kennedy ma ha solo detto citandolo che un voto per Kennedy sarebbe un “voto di protesta sprecato” accusandolo di essere un “falso” oppositore dei vaccini. Nel suo discorso alla convention libertaria, Kennedy ha accusato Trump e Biden di calpestare le libertà personali in risposta alla pandemia. Trump ha ceduto alle pressioni dei funzionari della sanità pubblica e ha chiuso le imprese, ha detto Kennedy, mentre Biden ha sbagliato a imporre i vaccini a milioni di lavoratori. Kevin Munoz, portavoce della campagna di rielezione di Biden, ha criticato Trump e i principali repubblicani per essersi opposti all’accesso all’aborto affermando che “la libertà non è libera nel Partito repubblicano di Trump e questo fine settimana sarà solo un altro promemoria di ciò”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY