[gtranslate] Si rafforza il corridoio economico tra Cina e Pakistan grazie all'incontro tra Jinping e il primo ministro pakistano - WHAT-U

Il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif (a sinistra) e il premier cinese Li Qiang

Si fa sempre più stretta l’intesa commerciale tra il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif e il il premier cinese Li Qiang che ha promesso di aiutare il Pakistan a sfruttare il suo potenziale commerciale affinché diventi un hub che possa svolgere un ruolo cruciale nel commercio con la Cina. Come? Sfruttando la sua posizione sul Mar Arabico che fornisce a Pechino una rotta via terra verso il Golfo di Aden e sul Canale di Suez, che consentirebbe alle navi cinesi di evitare il potenziale punto di strozzatura dello Stretto di Malacca. Il primo ministro pakistano ieri 7 giugno è arrivato in Cina per una visita di cinque giorni nel tentativo di potenziare proprio questo corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), fiore all’occhiello della Belt and Road Initiative (BRI), attraverso la quale Pechino ha promesso oltre 60 miliardi di dollari nel paese dell’Asia meridionale.
“Ho avuto l’onore di incontrare il presidente Xi Jinping nell’iconica Grande Sala del Popolo di Pechino”, ha detto il primo ministro in un post sui social media dopo l’incontro. “Abbiamo discusso varie dimensioni delle sfaccettate relazioni tra Pakistan e Cina e abbiamo riaffermato la nostra amicizia di lunga data e costante, la cooperazione strategica per tutte le stagioni, i legami economici e commerciali e il CPEC”.
Sharif ha affermato che è stato deciso di comune accordo di rafforzare la cooperazione economica tra i due Stati attraverso il completamento tempestivo delle iniziative CPEC in corso, aggiungendo che la cooperazione congiunta entrerà nella fase successiva con cinque nuovi corridoi.
“Ho sottolineato che il Pakistan continuerà a lavorare con la Cina per promuovere la connettività regionale e lo sviluppo economico e per rendere Gwadar un hub di connettività per lo sviluppo socio-economico del Pakistan”, ha continuato. “Il presidente Xi ha rassicurato che la Cina continuerà a sostenere la sovranità, l’integrità territoriale e lo sviluppo del Pakistan, e continuerà a sostenerci nello sfruttare il nostro potenziale geoeconomico come centro del commercio e dell’economia regionale”.

Secondo i media statali cinesi, nel corso della conversazione Xi ha sottolineato anche le “ampie prospettive di sviluppo” dei due Paesi.
Il primo ministro ha affermato di aver invitato anche il presidente cinese a visitare il Pakistan non appena possibile. Il Pakistan sta attualmente cercando di trovare una via d’uscita da una prolungata turbolenza economica che lo ha costretto a cercare assistenza finanziaria da parte di agenzie di credito internazionali e di nazioni amiche. Non è un caso che l’incontro tra i due leader si sia tenuto pochi giorni prima che il Pakistan presentasse il suo bilancio annuale e richiedesse un nuovo prestito del Fondo monetario internazionale (FMI). “I due leader hanno espresso impegno continuo e sostegno per lo sviluppo di alta qualità del corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC) e il completamento tempestivo di tutti i progetti in corso”, ha affermato il Ministero degli Esteri in una nota. “Le due parti hanno inoltre espresso il loro fermo impegno a proteggere il CPEC dai suoi detrattori e avversari”.

Dalla sua istituzione nel 2013, il CPEC ha visto decine di miliardi di dollari incanalati in massicci progetti di trasporto, energia e infrastrutture in Pakistan. Ma l’impresa è stata colpita dalla difficoltà di Islamabad di mantenere i suoi obblighi finanziari e dagli attacchi contro obiettivi cinesi da parte dei militanti. Più di recente, cinque ingegneri cinesi, che stavano lavorando su una diga nel nord-ovest del Pakistan, sono stati uccisi in un attentato suicida il 26 marzo. L’attacco è stato rivendicato dal Baluch Liberation Army (BLA), il più importante dei numerosi gruppi separatisti del Belucistan.
Durante l’incontro col suo omonimo cinese, Sharif ha riaffermato la ferma determinazione del Pakistan a garantire la sicurezza e l’incolumità del personale cinese e dei progetti in Pakistan.
“Le due parti hanno concordato di mantenere scambi ad alto livello, compreso il rafforzamento dei collegamenti istituzionali a tutti i livelli e in tutte le sfere della cooperazione bilaterale”, si legge nella dichiarazione. “Il Pakistan e la Cina continueranno inoltre a consultarsi strettamente su questioni di importanza regionale e globale e nei forum multilaterali, in particolare durante il mandato biennale del Pakistan come membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.
I colloqui a livello di delegazione sono stati seguiti da una cerimonia durante la quale sono stati firmati 23 memorandum d’intesa (MoU) e accordi volti ad approfondire la cooperazione tra i due paesi nei settori dei trasporti, delle infrastrutture, dell’industria, dell’energia, dell’agricoltura, dei media, della sanità, dell’acqua, delle politiche socioeconomiche. sviluppo e altri settori di reciproco interesse.
Dal suo arrivo in Cina, il primo ministro ha tenuto diversi incontri con investitori e uomini d’affari cinesi per discutere ed esplorare opportunità di investimento in Pakistan. Verso la fine della giornata il primo ministro pakistano arrivato nella città cinese di Xian per esplorare la possibilità di una cooperazione agricola ha scritto su X. “Non vedo l’ora di conoscere la modernizzazione e l’innovazione agricola della Cina dalle strutture di livello mondiale di questa grande città. Desiderosi di esplorare nuove strade di cooperazione e di approfondire ulteriormente i nostri legami nel settore agricolo per migliorare la produttività e la qualità alimentare del Pakistan”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY