[gtranslate] A SANREMO VINCONO I TWEET - WHAT-U

Un Festival con il fiato corto quello di ieri sera, soprattutto nella prima parte della serata, che ha visto Claudio Baglioni in leggera empasse e un Clausio Bisio non nella sua forma migliore. Come anche Virginia Raffaele, che ha iniziato a scaldare i cuori del pubblico con un paio di ore di ritardo. Quello che si poteva evitare? Il siparietto dei due Claudio e Virginia che cercano di fare sorridere fingendo di parlarsi sopra l’uno con l’altro e la battutaccia di Virginia sulla giacca di Bisio, paragonandola allo stile dei Casamonica.

Nonostante ciò il festival di Sanremo è volato subito su Twitter. La prima delle cinque serate dell’edizione numero 69 già dai primi minuti di diretta è entrata tra i trending topic con gli hashtag #Sanremo2019 e #FestivaldiSanremo ai primi posti. Nella sola giornata del 5 febbraio l’hashtag ufficiale #Sanremo2019 è stato utilizzato oltre 400 mila volte e come ogni anno si conferma l’evento televisivo più chiacchierato dagli italiani anche sui social e soprattutto su Twitter.

I cantanti più twittati durante la prima serata sono stati: 1) Ultimo; 2) Motta; 3) Nek; 4) Negrita; 5) Irama; 6) Einar; 7) Arisa; 8) Il Volo; 9) Mahmood; 10) Simone Cristicchi.
    L’emozionante duetto tra Andrea Bocelli e il figlio Matteo ha visto un picco di conversazioni su Twitter, con quasi 100 mila tweet con l’hashtag ufficiale e di ascolti: 15 milioni 662 mila spettatori, alle 21.46.

Il picco di ascolto in share, (54%) è stato toccato anche alle 23.30 durante il duetto tra Claudio Baglioni e Giorgia.

 Il risultato di ascolto della prima serata del Festival di Sanremo 2019 “è stato uno dei migliori degli ultimi cinque anni, in linea con le aspettative: due punti e mezzo di share rispetto all’anno scorso, che centrò il dato record degli ultimi tredici anni”. A rilevarlo è Teresa De Santis, direttrice di Rai1, che sottolinea il “record sul pubblico dei giovanissimi”, e sui social.
    In particolare, spiega, “sulle ragazze di età fra i 15 e i 24 anni, lo share ha raggiunto punte del 71%, con una media del 62.7%: stiamo parlando di un pubblico che non va sulla tv generalista. E’ cresciuta la fruizione su Rai Play, con 567 mila contatti, il 14% in più rispetto al 2018. Picco anche sui laureati e sul piano regionale in Liguria, il più alto degli ultimi 20 anni”. De Santis ricorda che “la tv generalista non ha più gli stessi numeri: ieri c’era un milione e mezzo circa di persone in meno rispetto a un anno fa”. Ma “il gol più importante” è stato “portare su Sanremo chi non lo avrebbe visto”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY