MARY QUANT COMPIE 85 ANNI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mary Quant nel suo appartamento di Draycott Place Chelsea, a Londra c.1965-Keystone-France-Gamma-Keystone-Getty-Images

Barbara Mary Quant, una stilista britannica, conosciuta in tutto il mondo come l’inventrice della minigonna, sta per spegnere 85 candeline.

foto Mary Quant e altre modelle al lancio della collezione della sua nuova collezione PA di calzature 1967–Prints-2008

Per la precisione lo farà il’11 febbraio. A lei il merito per il quale tuttora viene ricordata dalle cronache di tutto il mondo, di aver diffuso nella seconda metà del ‘900 l’indumento femminile più amato dalle ragazze di tutte le latitudini, facendolo indossare da una parrucchiera di 17 anni, Leslie Hornby, detta Twiggy (grissino), antesignana delle top model. Già, perché l’invenzione di quella piccola striscia di tessuto che arrivava a metà coscia e oltre e che si portava obbligatoriamente con alti stivali e collant, anch’essi appena inventati al posto delle calze con giarrettiera, viene invece attribuita ad André Courrèges, che nel 1964 aveva presentato a Parigi corti vestitini dalle linee a trapezio, e che quindi aveva rivendicato la paternità della minigonna.
La Quant ha sempre detto: «Le vere creatrici della mini sono le ragazze le stesse che si vedono per la strada».

Il V & A, ossia il Victoria and Albert Museum l’estate scorsa aveva chiesto ai fan della moda degli Swinging Sixties di contribuire alla realizzazione di una mostra retrospettiva, di 200 oggetti della collezione del museo e l’archivio personale di Dame Mary, pezzi iconici della moda di Mary Quant. 

Una richiesta con un obiettivo particolare. Quello di ritrovare i primi capi  one-off venduti tra il 1955 e il 1960 nelle boutique di Quant’s Bazaar a Chelsea, Knightsbridge  e Bond Street.  La curatrice della mostra Jenny Lister all’epoca aveva dichiarato: «Vogliamo ascoltare le donne che hanno indossato i modelli radicali di Mary e hanno provato l’appeal del marchio Mary Quant in prima persona. Per aiutarci a raccontare queste storie incredibili, chiediamo alle persone di controllare soffitte, armadietti e album di foto per la possibilità di esibirsi nella nostra mostra»

Madame Quant, all’epoca aveva dichiarato: »Gli amici sono stati estremamente generosi nel prestare e, in molti casi, donare indumenti e accessori al V & A che hanno amorevolmente custodito per molti anni, quindi sarà affascinante vedere cos’altro emergerà». 

Ora sarebbe bello organizzare un’altra mostra dedicata alla Quant per rivivere la magia di un periodo che ha rivoluzionato il mondo della moda. Chissà se a qualcuno verrà la voglia di fare il bis.



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!