[gtranslate] GRAMMY QUEST'ANNO É DONNA. ECCO GLI STILI VINCENTI - WHAT-U

1° POSTO

Il look più indovinato della serata quello di
Kacey Musgraves, alla quale è stato assegnato il premio di Miglior disco dell’anno (ha vinto anche altre tre statuette)
2° POSTO

Tre premi per Lady Gaga, grazie a “Shallow”, colonna sonora del film A star is born”
3° POSTO
Michelle Obama, moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti, ovviamente non ha partecipato ai Grammy, è salita sul palco con Jennifer Lopez, Lady Gaga, Jada Pinkett Smith e la conduttrice Alicia Keys, per raccontare come la musica le sia stata sempre d’aiuto per raccontare la sua storia. A lei il terzo posto perché nonostante l’incedere un po’ incerto mentre scendeva le scale, vince per il suo stile easy popolar-nazionale

4° POSTO
Star rivelazione Dua Lipa, che fa un bis come miglior artista emergente e come miglior performance dance per il pezzo Electricity, interpretato con il duo di musica elettronica Silk City, composta da Diplo e da Mark Ronson
5° POSTO
Cardi B è entrata nella storia come prima donna ad aggiudicarsi il premio nella categoria album rap, con la sua “Invasion of Privacy”, rompendo così il dominio maschile in questo genere musicale


6° POSTO
Lei è
H.E.R. ed ha vinto per il miglior disco r’n’b. Il look non era un granché però l’avere portato tutte le persone che hanno contribuito al suo successo, genitori compresi sul palco, l’ha resa ancora più vicina al cuore dei suoi fan

Novità di quest’anno…

Arianna Grande…

Quest’anno Arianna Grande non si è presentata ai Grammy Awards 2019 a causa di attriti con la produzione della cerimonia. Motivo del contenzioso? I produttori si sarebbero rifiutati di farle cantare la sua ultima hit “7 Rings“. Però dopo aver appreso la notizia che con il suo “Sweetener” aveva comunque vinto il prestigioso premio Best Pop Vocal Album, Ariana ha deciso di indossare l’abito della mancata esibizione al Grammy, una creazione personalizzata di Zac Posen, su Instagram.

Recording Academy…

La Recording Academy ha introdotto una serie di cambiamenti nelle quattro categorie principali (Record of the Year, Album of the Year, Song of the Year e Best New Artist): non più solo 5 candidati, come nelle scorse edizioni, ma 8, per garantire a quasi tutti i generi musicali di essere rappresentati nelle nomination per le singole categorie.


Alicia Keys

A condurre la 61esima edizione dei Grammy sarà la cantante americana Alicia Keys, legata per averlo ricevuto ben 15 volte, su un totale di 30 nomination.

Neil Portnow…

Neil Portnow, presidente della Recording Academy, ha annunciato che questo sarà il suo ultimo anno alla guida dei Grammy. Il suo mandato scadrà a luglio 2019 e non accetterà proposte di rinnovi.

Motivo della sua decisione le polemiche nate sull’esclusione delle nomination dei Grammy di alcuni artisti hip hop e l’accusa di aver sotto-rappresentato il genere femminile. E dulcis in fundo di avere pure sottratto fondi alla MusiCares, l’associazione caritatevole legata alla Academy, per potersi permettere lo sfizio di spostare la cerimonia a New York. La Recording Academy ha smentito questa notizia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY