[gtranslate] IL PESO DELL'ASSISTENZA SANITARIA SUI BILANCI DELLE FAMIGLIE - WHAT-U

Nel 2017, oltre la metà delle persone (55%) nell’Unione europea (UE) ha riferito che l’importo che la propria famiglia doveva pagare per le cure mediche veniva percepito come “un onere finanziario” per la precisione dal 34%, mentre dall’11% come un pesante onere finanziario sul bilancio familiare.

Cure mediche

L’assistenza medica si riferisce a servizi di assistenza sanitaria individuali come esami o trattamenti. Comprende l’assistenza sanitaria per scopi curativi, riabilitativi oa lungo termine, assistenza sanitaria medica mentale e servizi medici preventivi. Le cure odontoiatriche e le medicine non sono incluse.

A livello di UE, l’onere finanziario percepito delle cure mediche è stato maggiore per coloro che vivono in famiglie con due persone che includevano almeno una persona di 65 anni o più (il 13% delle persone in queste famiglie ha riferito che le cure mediche rappresentano un onere finanziario elevato) . Coloro che vivono in famiglie monoparentali (12%), famiglie senza figli a carico (12%), famiglie con due adulti e famiglie con figli a carico (entrambi il 10%) hanno anche riferito che l’assistenza sanitaria è un onere gravoso per il loro budget.

Cipro ha avuto la più grande percentuale di persone che hanno dichiarato che i costi dell’assistenza sanitaria rappresentano un onere finanziario elevato (39%), seguiti da Bulgaria (32%), Italia (29%) e Lettonia (28%). Al contrario, la quota di persone che dichiara che il pagamento delle cure mediche non ha causato particolari problemi sul bilancio famigliare è stata maggiore in Danimarca, Slovenia e Svezia (86% tutti), Estonia (85%) e Francia (84%).

Cure odontoiatriche

Quasi la metà della popolazione (48%) nell’UE non ha riportato alcun onere finanziario relativo alle spese per gli esami od il trattamento dentistico. I costi odontoiatrici sono stati percepiti come un onere per il bilancio delle famiglie dal 35%, mentre il 17% ha rilevato che i costi relativi alle cure dentistiche hanno rappresentato un onere finanziario elevato.

Tra questi, Cipro, al 47% l’ Italia (39%), la Lettonia (36%) e la Spagna (34%). Per contro, il 79% delle persone in Danimarca e il 77% nei Paesi Bassi e in Svezia hanno dichiarato che questi costi non hanno causato alcun problema sul bilancio famigliare.

Acquisto di farmaci

Sul fronte farmaci, poco meno della metà (49%) delle persone ha dichiarato che il pagamento delle medicine non viene percepito come un onere finanziario significativo per la famiglia. Il 39% ha riferito esattamente il contrario mentre il 13% ha dichiarato di ritenere la spesa per i medicinali un pesante onere finanziario.

I paesi con la più alta percentuale di persone che hanno dichiarato che il costo delle medicine era un pesante onere finanziario erano la Polonia (40%), seguita da Cipro (34%), Bulgaria (33%) e Lettonia (30%). Al contrario, la quota di coloro che hanno dichiarano che il consumo di medicinali non ha avuto ripercussioni sul bilancio delle famiglie era maggiore in Francia (90%), Danimarca (84%) e Svezia (78%).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY