INIZIA IL PROCESSO AI RENZI, PER PRESUNTE FATTURE FALSE

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Breve udienza tecnica al tribunale di Firenze per l’inizio del processo che vede imputati Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, in un procedimento per presunte fatture false emesse da una loro società. Lo riferisce Ansa che in una nota precisa che i coniugi Renzi non erano in aula. Presente invece l’imprenditore Luigi Dagostino, imputato assieme ai genitori dell’ex segretario del Pd. «Era un’udienza tecnica», ha spiegato Federico Bagattini, difensore dei Renzi. «Non era necessaria la presenza dei miei assistiti, che invece parteciperanno alle udienze per le quali ci sarà bisogno che siano in aula». Il processo è stato rinviato al 20 maggio, dopo che il tribunale ha incaricato un perito della trascrizione delle intercettazioni effettuate nell’inchiesta, e ha ammesso le prove portate da accusa e difesa.

Bagattini ha poi voluto sottolineare l’aspetto umano della vicenda. «Si tratta di due persone che hanno dedicato la loro vita esclusivamente alla cura delle attività lavorativa, agli affetti familiari e si trovano private della libertà personale in un contesto dove è impossibile mimetizzarsi visto il piccolo contesto».

a era legato al parere perché ha rivolto al primo giorno carte di qua non sappiamo assolutamente nulla se non qualcosa in maniera indiretta attraverso lettura dell’ordinanza che ha respinto la nostra richiesta di revoca della misura quello che io so delle nuove carte l’ho saputo prima della lettura di qualche quotidiano successivamente non prima dicevo indirettamente la lettura dell’ordinanza


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli