LUKE PERRY, DYLAN NEL NOTO SERIAL TV “90210” MORTO A SOLI 52 ANNI

  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Luke Perry, 52 anni, si è guadagnato la notorietà nei panni di
Dylan McKay nella nota serie Tv “90210” Photo by Erik Pendzich/REX/Shutterstock

di Dorothy Farrow

Luke Perry, 52 anni, che attualmente recitava in “Riverdale” nei panni di Fred Andrews, candidato sindaco e padre ad Archie, è morto oggi al
Saint Joseph Medical Center Burbank, in California, dov’era arrivato mercoledì 27 febbraio già in gravissime condizioni.

Il suo agente, Arnold Robinson, nei giorni scorsi aveva confermato il ricovero negando però i rumors riguardo il fatto che l’attore fosse in coma farmacologico.

I siti di gossip TMZ e The Blast, invece per sottolineare la situazione di emergenza avevano persino pubblicato il clip audio della chiamata al 911 in cui veniva fornita la pressione sanguigna del paziente e si sentiva la parola “corsa”.

Perry, che è stata una delle prime stelle emergenti del serial “90210” nei panni di Dylan McKay, è sempre stato amato e ricordato per quel ruolo.

Ma come accade a tutti gli attori e alle attrici che non desiderano essere legati per tutta la vita al ricordo di un solo personaggio, successivamente, per allontanare il ricordo dei fans da Dylan, Luke ha accettato di interpretare sempre ruoli completamente differenti, come quello del predicatore nel serial Tv “Oz”.

Proprio in questi giorni si era parlato del remake del noto serial Tv, che i suoi ex compagni di set,  Jennie Garth , Ian Ziering , Jason Priestly , Brian Austin Green , Tori Spelling e Gabrielle Carteris, avevano detto di volere rifare. Luke è stato l’unico a dire di no.

Shannen Doherty che è stata sua partner sul set, interpretando il ruolo di Brenda Walsh, gli aveva mandato via Twitter un messaggio di vicinanza: “Amico mio, ti stringo forte”.

Anche i suoi colleghi in “Riverdale”, riporta sempre Usa Today, gli avevano dedicato dei post sui social media. 

Lili Reinhart, che interpreta Betty Cooper, pubblicando due sue foto con Luke, aveva scritto: “Pensando a te, Luke. E pregando per la tua guarigione sicura”.

Cole Sprouse (Jughead Jones) aveva condiviso una foto in bianco e nero di Perry che guarda fuori da una finestra. E aveva scritto: “Ti amo Jughead”.

Molly Ringwald, che interpreta la moglie estraniata di Perry in “Riverdale”, aveva twittato: “Ti invio il mio amore a Luke Perry” aggiungendo un emoji particolare: un cuoricino”.

L’attrice Kristy Swanson, che ha recitato assieme a Perry nella versione originale del film “Buffy the Vampire Slayer” del 1992, aveva scritto in un tweet: “Ho appena sentito le spaventose notizie sul mio caro vecchio amico Luke Perry che ha avuto un forte ictus. Luke sto pregando così tanto per te adesso. Ti amo così tanto, grazie alla grazia di Dio, tu riuscirai a superare tutto questo”.

Dopo la notizia della morte dell’attore, la produzione della serie televisiva “Riverdale” è stata chiusa per il giorno e in una dichiarazione alla CNN, lo studio e i produttori esecutivi hanno detto: “Siamo profondamente rattristati per la notizia della morte di Luke Perry, un amato membro della famiglia Riverdale , Warner Bros. e CW. Luke era un professionista incredibilmente attento e consumato con un cuore enorme e un vero amico per tutti. Una figura paterna e mentore del giovane cast dello show. È stato incredibilmente generoso e sul set ha portato amore e gentilezza. I nostri pensieri in questo momento così difficile, sono per la famiglia di Luke. ”

L’attore lascia due figli, Jack e Sophie, di 21 e 18 anni.


  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli