WANZHOU FA CAUSA AL CANADA “PER VIOLAZIONE DEI SUOI DIRITTI CIVILI”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I legali della manager e figlia del fondatore del gruppo, arrestata a dicembre con l'accusa di avere eluso le sanzioni americane contro l'Iran, si oppongono all'estradizione

Meng Wanzhou

Meng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei, ha fatto causa al Canada per il suo arresto all’aeroporto di Vancouver l’anno scorso su richiesta degli Stati Uniti. La manager e figlia del fondatore del gruppo era stata arrestata a dicembre con l’accusa di avere eluso le sanzioni americane contro l’Iran. Lo riporta la Bbc online.
 Le autorità americane hanno chiesto l’estradizione di Meng, che è una cittadina cinese, ma la Cina si “oppone con forza” a questa misura e sabato ha presentato una protesta formale al Canada definendo la vicenda “un grave incidente politico”.
Da parte sua, Meng ha citato in giudizio il governo canadese, l’agenzia di frontiera e la polizia per “gravi violazioni” dei suoi diritti civili.

Ralph Goodale,
ministro della sicurezza pubblica del Canada
Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi (ph. Ansa
EPA/WU HONG) durante la conferenza stampa del Congresso Nazionale del popolo cinese (NPC) a Pechino.
L’NPC ha oltre 3.000 delegati ed è la più grande assemblea legislativa del mondo. La sua funzione è quella di vagliare e nel caso approvare le politiche stabilite dai leader del Partito Comunista Cinese

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha assicurato il sostegno di Pechino alle azioni legali promosse dal colosso delle tlc contro gli Usa, assicurando la protezione dei diritti e degli interessi legittimi di società e del popolo cinese. «Speriamo che tutti i pregiudizi vengano superati, ma non saremo agnelli silenziosi», ha detto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli