TAV: CONTE PREVEDE UNA SCELTA ENTRO VENERDÌ

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

il premier Giuseppe Conte

Un vertice fruttuoso quello di ieri a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli per parlare della Tav e analizzare costi e benefici. «Siamo in dirittura d’arrivo, nel percorso finale, quello politico», ha detto il presidente del Consiglio al termine dell’incontro. «Oggi c’è stata la prima riunione politica, abbiamo iniziato l’analisi costi benefici. Domani sera riunione con i tecnici a oltranza. Credo una scelta entro venerdì. Siccome prenderemo la scelta migliore per i cittadini, ovviamente il governo non rischia. Mi batterò perché non sia trascurato alcun aspetto per una decisione corretta», ha sottolineato il premier.


licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT

Quindi, per l’ennesima volta, Conte unisce anziché dividere e cerca di portare tutti a un tavolo comune dopo le polemiche delle ultime settimane, richiamando Lega ed M5s. «Rispetto le posizioni della Lega e del M5s, ma sarò garante che queste posizioni pregiudiziali non pesino sul tavolo. Partiremo dall’analisi costi-benefici. Posso garantire che prenderemo una decisione per tutelare l’interesse nazionale e che in questa fase non ci sarà nessuna interlocuzione con la Francia».

Lasciando Montecitorio, il vicepremier, Matteo Salvini, ha detto di aspettarsi dal vertice di mercoledì “la decisione finale sulla Tav”. Ai cronisti che gli chiedevano se fosse preoccupato di una possibile crisi di governo come paventato dai 5S, Salvini ha risposto: «Assolutamente no. Sono tranquillissimo».

Al termine della conferenza dei capigruppo di palazzo Madama, saranno discusse giovedì 21 marzo in Aula al Senato le mozioni di sfiducia al ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli per la condotta tenuta sulla Tav. Al momento sono state depositate la mozione del Pd e quella di FI. Mentre FdI non presenterà una mozione autonoma, ma è intenzionato a votare sì alle dimissioni del ministro.

«La soluzione è nelle mani del presidente Conte, le posizioni di partenza sono note. Siamo fiduciosi che si risolverà tutto per il meglio», ha detto Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, al termine del vertice di governo.

Mara Carfagna, invece ha scritto su Twitter: “Il Governo riunito in conclave sulla #Tav, mentre i terremotati aspettano, l’#Istat conferma la recessione tecnica e la disoccupazione giovanile aumenta. Va bene che è #martedìgrasso, ma la sfilata delle mascherine la fanno i bambini”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli