NELL’EU SI PRODUCONO 310 MILIONI DI TONNELLATE DI CEREALI. OBIETTIVO? SUPERARE I 400

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La produzione venduta di cereali (incluso il riso) nell’Unione europea (UE) è stata di 310 milioni di tonnellate nel 2017, circa il 12% della produzione mondiale. Ciò ha rappresentato un aumento del 2,7% (8,2 milioni di tonnellate) rispetto al 2016, nonostante le condizioni di siccità in molte aree dell’Europa centrale e meridionale e una riduzione delle aree coltivate di 1,6 milioni di ettari. Nonostante la ripresa, la produzione europea di cereali raccolti nel 2017 è rimasta al di sotto del picco del 2014 di 333 milioni di tonnellate. Ora l’obiettivo è superare in 400 milioni di tonnellate.

Il grano tenero e il farro rappresentano il 46% di tutti i chicchi di cereali raccolti nell’UE nel 2017. A questa quota hanno fatto seguito mais da granoturco e mais (19%) e orzo (19%). Avena, segale e altri cereali hanno rappresentato il restante 14% della produzione di cereali.

In termini di produzione di cereali nei singoli Stati membri, la Francia ha prodotto i maggiori quantitativi di grano tenero e di farro (36,5 milioni di tonnellate), orzo (12,1 milioni di tonnellate) e mais / mais-pannocchia (14,5 milioni di tonnellate) nel 2017. Polonia ha prodotto la più alta quantità di segale e miscele di cereali invernali (2,9 milioni di tonnellate) e avena (1,5 milioni di tonnellate).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli