NELL’EU SI PRODUCONO 310 MILIONI DI TONNELLATE DI CEREALI. OBIETTIVO? SUPERARE I 400

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La produzione venduta di cereali (incluso il riso) nell’Unione europea (UE) è stata di 310 milioni di tonnellate nel 2017, circa il 12% della produzione mondiale. Ciò ha rappresentato un aumento del 2,7% (8,2 milioni di tonnellate) rispetto al 2016, nonostante le condizioni di siccità in molte aree dell’Europa centrale e meridionale e una riduzione delle aree coltivate di 1,6 milioni di ettari. Nonostante la ripresa, la produzione europea di cereali raccolti nel 2017 è rimasta al di sotto del picco del 2014 di 333 milioni di tonnellate. Ora l’obiettivo è superare in 400 milioni di tonnellate.

Il grano tenero e il farro rappresentano il 46% di tutti i chicchi di cereali raccolti nell’UE nel 2017. A questa quota hanno fatto seguito mais da granoturco e mais (19%) e orzo (19%). Avena, segale e altri cereali hanno rappresentato il restante 14% della produzione di cereali.

In termini di produzione di cereali nei singoli Stati membri, la Francia ha prodotto i maggiori quantitativi di grano tenero e di farro (36,5 milioni di tonnellate), orzo (12,1 milioni di tonnellate) e mais / mais-pannocchia (14,5 milioni di tonnellate) nel 2017. Polonia ha prodotto la più alta quantità di segale e miscele di cereali invernali (2,9 milioni di tonnellate) e avena (1,5 milioni di tonnellate).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Mi chiamo Patrizia Vassallo, sono il direttore di What-u, scrivo da sempre, da quando alle elementari ho iniziato a fare il mio primo giornalino scolastico e sono una giornalista professionista dal 1993 (iscritta all'Albo dei Giornalisti Professionisti della Lombardia). Ho lavorato per alcuni quotidiani, (Il Secolo XIX, Il Mercantile, The Daily Mirror, Le Monde), e poi per molti magazine italiani e alcuni stranieri, The Face, Gente, Onda Tv, Gente Viaggi, Gioia, Gente Money, Il Nostro Budget, Eva Tremila, Marie Claire), sono spesso stata in giro per il mondo... Ora, da poco più di un anno, sono il direttore di What-u! Scrivere per me non è una professione, ma una passione da condividere con i lettori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!