UN ALTRO NEMICO CONTRO TRUMP: LETITIA JAMES

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

la procuratrice generale dello stato di New York, prima donna nella storia americana ad essere stata nominata primo procuratore statale a New York ed è anche la prima donna afro-americana ad essere stata eletta in tutto lo stato, ha aperto un'indagine sul giro di affari di Trump

Letitia James, procuratrice generale dello stato di New York

La fine del 2018 e l’inizio del 2019 hanno riservato molti guai a Trump che dopo il voltafaccia del suo ex collaboratore l’avvocato Michael Cohen, ora un nuovo nemico, la procuratrice generale dello stato di New York Letitia James, che, scrive il New York Times, ha aperto un’indagine sull’attività della Trump Organization, per chiedere ed esaminare la documentazione che ha permesso alla Fondazione Trump di ottenere almeno 4 grossi finanziamenti con il beneplacito dei vertici di Deutsche Bank e di Investor Bank.
Ma chi è Letitia James e perché ora ha preso di mira il presidente degli Stati Uniti? La James è la prima donna nella storia americana ad essere stata nominata primo procuratore statale a New York ed è anche la prima donna afro-americana ad essere stata eletta in tutto lo stato.

Durante la sua campagna elettorale ha promesso di andare a fondo sugli affari del presidente studiarne le finanze, ovviamente proprietà immobiliari comprese. Cnn riporta una dichiarazione della James che fa molto pensare. «Il presidente Trump era quasi sull’orlo della bancarotta e poi all’improvviso è diventato ricco sebbene le banche nazionali gli avessero chiuso ogni possibilità di ottenere crediti», ha detto la James . «Quindi la domanda è: dove ha preso tutto quei soldi?». La James ha anche dichiarato di avere intenzione di continuare a sondare se il continuo interesse di Trump nei suoi affari a New York víoli il divieto della Costituzione sui cosiddetti “emolumenti”, che impedisce ai presidenti di prelevare denaro dai governi stranieri. Il problema, riporta sempre la Cnn, è già stato portato avanti dal Distretto di Columbia e Maryland , i cui avvocati generali stanno facendo causa per i rapporti commerciali intercorsi tra il presidente Trump con numerosi governi stranieri. Gli avvocati di Trump e Trump Organisation, sollecitati dalla CNN a rilasciare un commento, non hanno risposto alle richieste. La James ha aggiunto che continuerà una causa intentata dal suo predecessore contro l’organizzazione caritatevole del presidente, la Donald J. Trump Foundation A dicembre, Trump si è lamentato della James su Twitter, senza menzionare il suo nome, scrivendo che “ha apertamente partecipato a una campagna GET TRUMP”. Per la precisione Trump ha scritto: “In ogni caso, va avanti e avanti e la nuova AG, che ora viene sostituita da un’altra AG (che ha apertamente partecipato a un’agenda GET TRUMP), fra poco altro che sproloqui, rave e politica nei miei confronti. Non sarà mai trattato in modo equo da queste persone – un doppio standard totale di “giustizia””.

Donald J. Trump@realDonaldTrump

….In any event, it goes on and on & the new AG, who is now being replaced by yet another AG (who openly campaigned on a GET TRUMP agenda), does little else but rant, rave & politic against me. Will never be treated fairly by these people – a total double standard of “justice.”4:05 PM – Dec 19, 2018

La James in numerose dichiarazioni pubbliche durante la sua campagna elettorale, ha definito Trump “un incompetente e imbarazzante per tutto ciò che rappresentiamo”.”Come procuratore generale, non avrò mai paura di sfidare questo presidente illegittimo quando sono in gioco i nostri diritti fondamentali”, ha detto lo scorso autunno in un video pubblicato per NowThis. “Trump dovrebbe essere accusato di ostacolo alla giustizia, credo che il presidente di questi Stati Uniti possa essere incriminato per reati penali e ci uniremo alle forze dell’ordine e agli altri avvocati generali in questa nazione per rimuovere questo presidente dall’incarico. È importante che tutti capiscano che i giorni di Donald Trump stanno finendo”.

Trump anche se al momento ha chiesto ai suoi avvocati di non rispondere alle provocazioni della Cnn, non rinuncia a dire la sua su Twitter. “Non c’è un briciolo di prove che il presidente Trump abbia fatto qualcosa di sbagliato.” @ GrahamLedger One America News. Così vera, una Caccia alle streghe in totale – Tutto è iniziato illegalmente da Crooked Hillary Clinton, dal DNC e da altri!

E in un altro tweet aggiunge: “Nonostante i media più ostili e corrotti nella storia della politica americana, l’amministrazione Trump ha compiuto di più nei suoi primi due anni rispetto a qualsiasi altra amministrazione. Giudici, i più grandi tagli fiscali e regolamentari, la scelta VA, la migliore economia, la disoccupazione più bassa e molto altro! “

In questi giorni fonti dela Casa Bianca hanno fatto sapere che nella proposta di bilancio per il 2020, Donald Trump ha proposto di aumentare le spese della difesa del 4% sino a 750 miliardi di dollari e di tagliare gli aiuti all’estero di 13 miliardi di dollari. La scure dovrebbe abbattersi anche sul welfare (22 miliardi di dollari), sui buoni alimentari (17 miliardi di dollari). Tagli anche per il dipartimento di stato (23%), l’agenzia per la protezione dell’ambiente (31%) e i trasporti (22%).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli