CONTE: DOMANI LA FIRMA PER L’ACCORDO SULLA VIA DELLA SETA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Una decisione non certo accolta con entusiasmo dagli Stati Uniti che non vedono di buon occhio l'attivismo del governo cinese nei confronti dell'Europa. E riguardo i rumors di scontri e dissensi previsti tra partner europei, a causa di questo accordo, Conte ha replicato: «Non c'è da convincere nessuno perché o si sottoscrive o non si sottoscrive, doverosamente siccome siamo in famiglia informerò i miei partner su quello che stiamo facendo»

il premier Giuseppe Conte oggi a Bruxelles

Sabato 23 marzo, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, da ieri impegnato a Bruxelles per partecipare al Consiglio europeo incontrerà il Presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping in Italia per firmare l’accordo sulla Via della Seta, che apre la strada ad accordi commerciali importantissimi per entrambi i Paesi. Un passo significativo che Conte ha sottolineato che l’Italia non ha fatto per prima, visto che a prendere questa decisione è arrivata quinta dopo Polonia, Ungheria, Grecia e Portogallo.

Una decisione non certo accolta con entusiasmo dagli Stati Uniti che non vedono di buon occhio l’attivismo del governo cinese nei confronti dei partner europei dopo l’ultimo round di colloqui sul commercio avuto con la Cina all’inizio di febbraio, ottenendo, come aveva poi riportato in quei giorni, un primo commento ufficiale della delegazione cinese sull’esito delle trattative, “importanti progressi”.

Squilibrio commerciale, trasferimento di tecnologia, protezione della proprietà intellettuale, barriere non tariffarie, servizi, agricoltura e meccanismi di verifica, questi erano stati alcuni degli argomenti trattati dal rappresentante Usa del Commercio Robert Lighthizer, con il vicepremier cinese Liu He. Grande importanza era stata data “alla protezione della proprietà intellettuale e al trasferimento di tecnologia concordando di rafforzare la cooperazione a tal proposito”. Le parti aveva concordato di adottare misure effettive per promuovere un più bilanciato sviluppo del commercio bilaterale, con sforzi da parte cinese rimarcando l’importanza di “un meccanismo in doppia direzione” e ora che anche l’Italia ha fatto capolino nelle trattative, gli Usa, buttano benzina sul fuoco, ipotizzando forti dissensi fra i partner europei. Ma la risposta del premier Conte non è tardata ad arrivare. «Non c’è da convincere nessuno perché o si sottoscrive o non si sottoscrive, doverosamente siccome siamo in famiglia informerò i miei partner su quello che stiamo facendo ma è ovvio che siamo in pieno accordo e non c’è nessun problema», ha dichiarato all’ingresso del vertice europeo rispondendo a chi gli chiedeva come convincerà i colleghi europei sulla firma del Memorandum con la Cina.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli