OLANDA NO AL “SESSO A PAGAMENTO”

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La campagna, rende noto la Bbc, si chiama "Sono impagabile", ed è condotta principalmente da gruppi di ispirazione cristiana e femminista

Rendere illegale andare con le prostitute in Olanda. Lo chiedono oltre 40mila giovani che hanno firmato una petizione, prossima all’esame in Parlamento, in un paese con leggi tra le più permissive sul sesso a pagamento. La campagna, rende noto la Bbc, si chiama “Sono impagabile”, ed è condotta principalmente da gruppi di ispirazione cristiana e femminista. Su Instagram sono state pubblicate immagini dei sostenitori con cartelli dove si legge “Ik ben onbetaalbaar” (io sono senza prezzo), “e se fosse tua sorella?”, oppure “la prostituzione è sia una causa che una conseguenza della disuguaglianza”. In Olanda il sesso a pagamento è legale se tra “adulti consenzienti”. I giovani attivisti premono sulle istituzioni perché la legislazione olandese viri verso il modello nordico, adottato da Svezia, Norvegia, Islanda, Irlanda del Nord e Francia, in base al quale i clienti sono penalizzati.


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli