DDL PILLON, SENATO RINVIA AL 7 MAGGIO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si posticipa per ragioni tecniche non politiche

Il senatore Simon Pillon

Un rinvio ‘tecnico’ più che politico quello deciso dall’ufficio di presidenza della commissione Giustizia del Senato sul disegno di legge Pillon, aggiornato al 7 maggio. La presidenza si è riunita in tarda mattinata per fare una riprogrammazione delle prossime riunioni. Quindi, tenendo conto dello stop al lavoro delle commissioni previsto la prossima settimana quando si riunirà l’Aula, delle festività pasquali e di quelle del 25 aprile e primo maggio, è emerso che la data di martedì 7 maggio è la prima utile per riprendere l’esame del ddl. Oggi comunque dalle 15,30 in poi è continuata la discussione generale. La prima a parlare è stata la senatrice Julia Unterberger, capogruppo delle Autonomie. Il Pd cha fatto ntervenire tutti i suoi 52 senatori, come protesta al disegno di legge di cui chiede il ritiro.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli