IL PADRE DI ASSANGE IN PIAZZA PER IL FIGLIO JULIAN

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ora l'obiettivo di Shipton è quello di aiutare il figlio a trovare asilo politico in Australia

di John Bailey

Il padre biologico di Julian Assange, John Shipton, si è detto “scioccato” nel vedere le pessime condizioni di salute del figlio nelle immagini del suo arresto a Londra, giovedì scorso, dopo la revoca dell’asilo da parte dell’ambasciata dell’Ecuador dove era rifugiato dal 2012.
In un’intervista al Sunday Herald Sun, Shipton ha lanciato un appello al premier australiano Scott Morrison affinché chieda alla Gran Bretagna l’estradizione del fondatore di Wikileaks per farlo tornare a casa.

Shipton venerdì scorso, ha partecipato al “Free Julian Assange Rally” a Melbourne, organizzato per la liberazione del figlio unendosi a una folla risicata di persone, circa 100, all’esterno della Biblioteca di Stato di Victoria.

Ora l’obiettivo di Shipton, che si è separato dalla madre di Assange, Christine Hawkins, prima della nascita del fondatore di WikiLeaks nel Queensland nel 1971, è quello aiutare il figlio a trovare asilo politico in Australia e fargli ottenere lo stesso sostegno che questo Paese ha fornito Hakeem al-Araibi, l’ex calciatore difensore del Bahrain, accusato di essere un dissidente.
Hakeem al-Araibi era stato arrestato mentre era in viaggio in Thailandia, dopo che il Bahrain aveva emesso un Interpol avviso rosso per il suo arresto.

L’ex calciatore è poi stato rilasciato a marzo e da allora è diventato un cittadino australiano.




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli