“TROPPI TURISTI AL CREMLINO”, LO DICE LA DIRETTRICE, FIGLIA DEL NOTO GAGARIN

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

"Secondo le linee guida stabilite dal Ministero della Cultura russo dovremmo dare il benvenuto a 1,8 milioni di persone all'anno, ma nel 2018 quasi 2,9 milioni di persone hanno visitato i musei"

Elena Gagarina
ph. Petr Titarenko

Ci si può lamentare dell’arrivo di troppi turisti? Evidentemente si, visto che succede ai musei del Cremlino di Mosca che nel 2018 sono stati visitati da quasi 2,9 milioni di persone. Lo ha detto il direttore Yelena Gagarina, figlia del cosmonauta Yury Gagarin, primo uomo a volare nello spazio, portando a termine con successo la missione il 12 aprile del 1961.
“Secondo le linee guida stabilite dal Ministero della Cultura russo dovremmo dare il benvenuto a 1,8 milioni di persone all’anno, ma nel 2018 quasi 2,9 milioni di persone hanno visitato i musei”, ha affermato Gagarina sottolineando che il numero aumenta annualmente di circa 100.000 visitatori. “Nel complesso, non va bene, comprendiamo che coloro che viaggiano a Mosca da turisti desiderano vedere i musei del Cremlino, tuttavia, come in qualsiasi altro vecchio museo, ci sono restrizioni sulla conservazione”, ha aggiunto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli