GIAPPONE: 9 MILIONI DI ANZIANI DA SOLI NEL 2040

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L'indagine is riferisce a un censimento realizzato nel 2015. Le nuove stime da qui ai prossimi 25 anni si traducono in un incremento del 43,4% rispetto al 2015

Come in Italia anche in Giappone il numero degli anziani supera quello dei bambini nati. Secondo uno studio dell’Istituto nazionale di ricerca e della previdenza sociale, quasi 9 milioni di cittadini con più di 65 anni vivranno da soli nel 2040. L’indagine condotta sul piano quinquennale si riferisce ad un censimento realizzato nel 2015. Le nuove stime da qui ai prossimi 25 anni si traducono in un incremento del 43,4% rispetto al 2015, e sta a significare che il 17,7% di tutte le abitazioni saranno abitate da un’unica persona anziana. La scelta di vivere in solitaria si estenderà a diverse fasce di età, rivela la ricerca, secondo la quale quasi il 40% delle famiglie avranno una sola persona. Secondo il parere degli esperti la richiesta di servizi per l’assistenza delle persone anziane aumenterà a ritmi insostenibili, così come diventeranno più complesse le misure di supporto per evitare fenomeni di alienazione e isolamento dei cittadini nella società futura.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli