[gtranslate] DOPO IL GIAPPONE ANCHE LA THAILANDIA HA UN NUOVO RE E REGINA - WHAT-U

di Mattia Versace

Dopo il Giappone ora anche la Thailandia ha un nuovo re. Il 66enne Maha Vajiralongkorn, conosciuto come Rama X, succeduto al padre Bhumibol Adulyadej (Rama IX) nel 2016, poche ore fa è stato proclamato sovrano a Bangkok e ha ricevuto dal capo bramino, un prete induista che ha svolto un ruolo guida nella cerimonia buddista-induista una corona, tempestata di diamanti del peso di 7,3 kg. Oggi sarà il primo di tre giorni (4-6 maggio) di elaborate cerimonie che si terranno nella capitale, alla presenza di leader stranieri e decine di migliaia di thailandesi lungo le strade e il fiume che attraversa la metropoli.

Ma in casa reale i festeggiamenti non sono solo per la neo incoronazione del re, ma anche per il suo matrimonio visto che ieri è convolato a nozze con l’amata Suthida Tidjai, 41 anni.
Così la Thailandia oggi ha anche una nuova regina. Lo annuncia un decreto reale pubblicato sulla Royal Gazette, aggiungendo che le nozze sono state celebrate nel Palazzo Dusit (ossia quello reale) “in modo legale e secondo la tradizione”. La donna, quarta moglie del sovrano, che
in precedenza, era un’assistente di volo della Thai Airways, si è guadagnata i gradi militari servendo nell’unità speciale della guardia del re La donna però non vivrà accanto al marito, come si prassi accade, ma risiederà, per la maggior parte dell’anno, in una villa in Germania.

Asia news scrive che circa 200mila persone provenienti da tutte le parti della Thailandia parteciperanno all’evento che avrà luogo nel vecchio quartiere di Bangkok, sull’isola di Rattanakosin. Il decreto reale che annuncia Suthida regina, precede la cerimonia di nomina dei titoli reali, fissata per domani 5 maggio. Il risultato ufficiale delle elezioni generali del 24 marzo invece dovrebbe essere annunciato il 9 maggio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY