SCOZZESI CONTRO LA BREXIT RECLAMANO L'INDIPENDENZA - WHAT-U

di Colin Antony Groves

Gli scozzesi ci riprovano e oggi sono scesi di nuovo in piazza per reclamare l’indipendenza. Tutti uniti a sostenere una marcia “All Under One Banner”, che punta i riflettori su un popolo che non vuole più appartenere al Regno Unito e reclama l’indipendenza ribadendo la sua contrarietà a seguire gli Uk nell’avventura della Brexit, alla quale la maggioranza degli scozzesi si oppose nel referendum del 2016. 

Decine di migliaia gli attivisti che hanno marciato per le strade di Glasgow  per reclamare il taglio del cordone ombelicale da un Paese che sentono sempre più lontano.

L’evento chiamato “All Under One Banner” (AUOB) ossia “Tutti sotto un’unica bandiera” è partito da Kelvingrove Park alle 13:30, ma sul numero dei partecipanti il numero esatto è ancora incerto anche se si ritiene che l’obiettivo dei 100mila partecipanti sia stato superato.

A ridare slancio agli indipendentisti è stata la mossa politica della ‘first minister’ Nicola Sturgeon, dello Scottish National Party (Snp), che ha promesso che farà approvare una legge ad hoc per un secondo referendum indipendentista, dopo la sconfitta nel primo, nel settembre 2014.Referendum, ha detto la leader scozzese, che dovrebbe tenersi fra due anni, nel maggio 2021, se la Brexit dovesse andare in porto.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY