LA ANDERSON SI SCHIERA IN DIFESA DI ASSANGE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L'attrice, sostenitrice da tempo della causa del fondatore di Wikleaks, a cui è vicina anche personalmente, ha chiesto aiuto all'opinione pubblica: "Ha sacrificato troppo per farci conoscere la verità, ora dobbiamo salvargli la vita"

Ingiusto e inumano e inaccettabile così l’attrice Pamela Anderson, ex star di Baywatch, ha definito oggi il trattamento inflitto dalla giustizia britannica a Julian Assange, dopo aver visitato l’attivista australiano fondatore di Wikileaks nel carcere di massima sicurezza inglese di Belmarsh dove è stato rinchiuso in seguito all’arresto reso possibile il mese scorso dalla revoca da parte dell’Ecuador dell’asilo concesso sette anni fa nell’ambasciata a Londra. L’attrice, sostenitrice da tempo della causa di Assange, a cui è vicina anche personalmente, ha chiesto con le lacrime agli occhi aiuto all’opinione pubblica. “Sarà una lunga battaglia” contro l’estradizione negli Usa e “lui – ha detto – ha bisogno del nostro sostegno. Ha sacrificato troppo per farci conoscere la verità, ora dobbiamo salvargli la vita, di questo si tratta”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Executive Editor Patrizia Vassallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!