TRUMP AVVERTE IRAN DI NON MINACCIARE ALTRIMENTI SARÀ LA SUA FINE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Usa e l'Iran ai ferri corti

di Pamela Parker

Dopo giorni di tensioni, il razzo lanciato e atterrato vicino all’ambasciata americana a Baghdad ha fatto andare su tutte le furie il presidente Donald Trump, che oggi ha avvertito l’Iran di non minacciare nuovamente gli Stati Uniti o affronterà la sua “fine ufficiale”. Un avvertimento senza sé e senza ma, perché dopo il lancio del razzo Katyusha, caduto nella zona verde fortificata e fortificata di Baghdad vicino alla statua del Milite Ignoto, a meno di un miglio dall’Ambasciata degli Stati Uniti, pur senza causare feriti, Trump ha perso davvero le staffe. Il generale Yahya Rasoul ha dichiarato all’Associated Press che si ritiene che il razzo sia stato sparato dall’est di Baghdad. L’area ospita le milizie sciite sostenute dall’Iran.

Nel 2015 gli Stati Uniti con un accordo sul nucleare avevano ottenuto che l’Iran accettasse di limitare il suo arricchimento di uranio in cambio della revoca delle sanzioni economiche, che in pratica vietavano principalmente alle nazioni di tutto il mondo l’importazione di petrolio iraniano. Ora che l’Iran ha appena annunciato la decisione di ritirarsi dai termini dell’accordo, anche se Teheran ha insistito a lungo sul fatto che non cerchi armi nucleari, l’Occidente teme che il suo programma possa permettergli di costruire bombe atomiche. In un’intervista trasmessa domenica sul Fox News Channel, Trump ha definito l’accordo sul nucleare uno “spettacolo dell’orrore”. “Semplicemente non voglio che abbiano armi nucleari e non possono minacciarci”, ha detto Trump. Tuttavia, l’accordo nucleare aveva impedito all’Iran di essere in grado di acquisire abbastanza uranio altamente arricchito per una bomba. Gli ispettori delle Nazioni Unite hanno ripetutamente certificato che l’Iran stava rispettando l’accordo. Ora la quinta flotta della US Navy, riferisce AP, ha annunciato che inizierà a convogliare “pattuglie di sicurezza avanzate” in acque internazionali con membri del Gulf Cooperation Council, che include Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Già, la portaerei USS Abraham Lincoln, la nave di assalto anfibio USS Kearsarge sono nel Mare Arabico, vicino allo Stretto di Hormuz, la bocca stretta del Golfo Persico attraverso il quale passa un terzo di tutto il petrolio scambiato in mare.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli