[gtranslate] ORA HUAWEI PER IL 5G PUNTA SULLA RUSSIA - WHAT-U

di Paola Mantovani

Il presidente RPC Xi Jinping alla sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF-2019) presso il centro congressi ed esposizioni Expoforum
ph RIA News / Alexey Danichev

Il presidente della RPC Xi Jinping, secondo quanto riportato dall’agenzia giornalistica Ria News, alla sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF-2019) presso il centro congressi ed esposizioni Expoforum (che terminerà domani), ha detto che la Cina è pronta a condividere le tecnologie 5G.”La Cina espanderà costantemente l’apertura, in particolare l’accesso al mercato, creerà un ambiente favorevole alla concorrenza e sarà un forte sostenitore della globalizzazione economica. La Cina è pronta a condividere le invenzioni tecnologiche e il know-how, in particolare le tecnologie 5G, con tutti i partner”.

La conferma pochi minuti dopo è arrivata anche dal vice primo ministro Maxim Akimov a margine dello SPIEF che ha annunciato che la Russia e la cinese Huawei stanno discutendo strategie per la presenza di reti di quinta generazione nei mercati, servizi cloud e cooperazione con società russe.

La tecnologia 5G consentirà di scambiare informazioni in tempo reale a velocità superiori a 10 Gbit al secondo, ovvero 30 volte più velocemente rispetto alle reti 4G, che significa, per dirla in poche parole, tempi di risposta minimi durante il download di dati e una grande capacità di rete. L’Unione internazionale delle telecomunicazioni prevede di adottare la tecnologia per il 5G entro il 2020.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY