[gtranslate] EE LANCIA IL 5G IN 6 CITTÀ DEL REGNO UNITO INTANTO IN ITALIA... - WHAT-U

di Paula Linch

EE, la compagnia di telecomunicazioni britannica, ha lanciato le reti cellulari di quinta generazione (5G) del paese in sei grandi città del Regno Unito, Londra, Cardiff, Edimburgo, Belfast, Birmingham e Manchester. In onore del lancio, la compagnia ha organizzato un concerto musicale nella capitale del paese, trasmesso attraverso reti di nuova generazione.”Volevamo segnare l’emergere della prima rete 5G nel Regno Unito con qualcosa di impressionante: stasera abbiamo fatto la storia, non solo diventando il primo operatore a lanciare 5G nel Regno Unito, ma usando anche il 5G per trasmettere l’evento a migliaia di fan in tutta la Gran Bretagna”, ha dichiarato Mark Allert, CEO della società di telecomunicazioni britannica BT Consumer Business, che include EE. Entro la fine di quest’anno, le reti 5G saranno disponibili anche a Glasgow, Newcastle, Liverpool, Leeds, Halle, Sheffield, Nottingham, Leicester, Coventry e Bristol. Nel 2020, altre dieci città entreranno a far parte del 5G. Nonostante il lancio ufficiale, al momento però non ci sono cellulari sul mercato britannico che funzionano su reti 5G. I concorrenti di EE, le società britanniche di telecomunicazioni Three e Vodafone, hanno dichiarato che inizieranno i lavori per la preparazione di reti 5G il prossimo anno.

E IN ITALIA?

Esattamente un anno fa in Italia le compagnie interessate alla rete 5G erano 7 : TimVodafoneWind TreIliadLinkemFastweb e OpenFiber. Due giorni fa Vodafone ha dato il via alla connessione ultra veloce che potrà essere utilizzata nel giro di pochissimi giorni tanto dagli utenti privati quanto da quelli business, l’unico problema e non da poco è la copertura, visto che le città italiane coperte dal 5G sono ancora poche. Le nuove reti Giga Network5G per il momento sono state installate a Milano, Roma, Torino, Bologna e Napoli. Inoltre, la connettività ultra veloce raggiungerà anche ben 28 comuni dell’area metropolitana milanese. Chiaramente, il piano di diffusione è solo all’inizio: Vodafone garantisce la copertura di 100 città entro il 2021, con attenzione particolare alle località turistiche.

5G da primato a Torino, Bari, Matera e San Marino

Lo scorso marzo è divenuto operativo l’accordo fra Tim e il Comune di Torino. Torino sarà così la prima città d’Italia e tra le prime d’Europa ad avere una nuova rete mobile 5G ed entro il 2020, la copertura dell’intera città sarà assicurata.

Anche Bari, sesta area metropolitana d’Italia con più di 1milione e 200mila abitanti, e Matera, che conta oltre 60mila residenti e San Marino saranno tra le prime città ad avere una rete mobile 5G, che significherà potere usare dei servizi di nuova generazione legati alla Smart City, come quelli relativi alla pubblica sicurezza, alla gestione dei mezzi pubblici e dei servizi informativi relativi, soluzioni di telesorveglianza in ampie zone del territorio cittadino, di realtà virtuale a supporto del turismo oltre che l’uso del 5G anche nei processi produttivi dell’industria manifatturiera.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY