[gtranslate] PALTROW DI NUOVO IN TRIBUNALE PER UNA VECCHIA CAUSA - WHAT-U

Gwyneth Paltrow

Uno sciatore cita in causa un noto resort dello Utah e l’attrice Gwyneth Paltrow accusata assieme al maestro di questa stazione sciistica di non avergli prestato soccorso, dopo averlo scontrato sulla pista da sci e averlo fatto cadere, seppure involontariamente,  il 26 febbraio 2016. Il Deer Valley Resort è protetto dalle responsabilità per le collisioni con gli sci ha detto l’avvocato Adam Strachan, che rappresenta la nota stazione sciistica precisando che “la Deer Valley non c’entra nulla in questo contenzioso.

L’optometrista in pensione, dopo l’incidente, ha detto di avere sofferto di una grave sofferenza emotiva, perché l’istruttore mentre lui giaceva a faccia in giù nella neve, dopo aver subito una commozione cerebrale, invece di aiutarlo si è messo a inveire contro di lui dicendogli: “Che cosa hai fatto? Che cosa hai fatto”.

“Avrebbe potuto essere morto, a causa del collo rotto”, ha detto l’avvocato dell’uomo Lawrence Buhler.

La Paltrow ieri non era all’udienza. La causa intentata contro di lei a gennaio continuerà a prescindere dalle presunte responsabilità del resort. L’optometrista chiede $ 3,1 milioni di danni per il suo incidente e si giustifica dicendo che ci sono voluti quasi tre anni per intentare il giudizio perché  nel frattempo ha dovuto sottoporsi a molte cure e poi perché  ha incontrato problemi con precedenti avvocati ai quali aveva sottoposto il suo caso per la notorietà dell’attrice.

Gli avvocati della Paltrow hanno dichiarato che le sue ferite sono minori rispetto a quanto lui ha dichiarato e che l’uomo sta cercando di ottenere solo un risarcimento per “danni simbolici” e per le spese legali sostenute. “Ha fatto una richiesta senza merito”, hanno detto.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY