[gtranslate] L'OCCUPAZIONE VOLA NEL TERZIARIO E DIMINUISCE NELL'INDUSTRIA - WHAT-U

Lo spostamento dell’economia verso il settore terziario è una tendenza a lungo termine già osservata nell’UE nella seconda metà del XX secolo. Nel 2018, l’occupazione nei servizi ha rappresentato il 74% dell’occupazione totale nell’UE rispetto al 66% nel 2000, mentre l’occupazione nell’industria è diminuita dal 26% nel 2000 al 22% nel 2018 e l’agricoltura è dimezzata dall’8% al 4%. Per quanto riguarda il valore aggiunto, i servizi hanno generato il 73% del valore aggiunto totale nel 2018, l’industria del 25% e l’agricoltura del 2%.

Tra gli Stati membri, la quota di occupazione agricola nel 2018 è stata la più alta in Romania (23% dell’occupazione totale), Bulgaria (18%), Grecia (11%) e Polonia (10%), mentre le quote più elevate per l’occupazione industriale sono stati osservati in Cecenia (37%), Slovacchia (32%), Polonia (31%), Romania e Slovenia (entrambi al 30%). Le attività di servizio rappresentavano l’80% dell’occupazione totale o poco più nei Paesi Bassi, nel Regno Unito, in Belgio, a Malta, in Francia, in Lussemburgo e in Danimarca.

Ma che cosa si produce nel terziario? In questo settore economico si producono o forniscono servizi, ovvero tutte quelle attività complementari e di ausilio alle attività del settore primario (agricoltura, allevamento, ecc.) e secondario (manifattura). In sostanza il settore terziario si può suddividere in tradizionale (comprendente servizi tradizionalmente presenti praticamente in ogni epoca e cultura) e avanzato (caratteristico degli ultimi decenni). Oltretutto il settore terziario è il più vario ed evoluto ma soprattutto eterogeneo tra tutti i settori. (M.T.)



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY