[gtranslate] EUROSTAT: NELL'AREA EU 2,3% I POSTI VACANTI - WHAT-U

di Manuel Siniscalchi

Il tasso di posti vacanti nell’area dell’euro è rimasto del 2,3% nel primo trimestre 2019, stabile rispetto al trimestre precedente e in aumento rispetto al 2,1% del primo trimestre 2018, secondo i dati pubblicati da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea. Nell’UE-28, il tasso di posti vacanti è stato del 2,4% nel primo trimestre del 2019, in aumento rispetto al 2,3% del trimestre precedente e al 2,2% del primo trimestre 2018.

Nell’area dell’euro, il tasso di posti vacanti nel primo trimestre 2019 è stato del 2,0% nell’industria e nell’edilizia e del 2,6% nei servizi. Nell’UE-28 il tasso era del 2,2% nell’industria e nell’edilizia e del 2,6% nei servizi.

Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati comparabili, i tassi di posti vacanti più elevati nel primo trimestre 2019 sono stati registrati in Cechia (6,4%), Belgio (3,6%) Germania (3,3%). Per contro, i tassi più bassi sono stati osservati in Grecia (0,6%), Spagna (0,9%) Portogallo, Irlanda e Bulgaria (tutti 1,0%). Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, il tasso di posti di lavoro vacante nel primo trimestre del 2019 è aumentato in quattordici Stati membri, è rimasto stabile in nove ma è diminuito in Grecia, Croazia, Lituania, Polonia e Malta (tutti di -0,1%). Gli aumenti maggiori sono stati registrati in Cechia (1,6 %), Cipro (0,8%), Lettonia (0,6%), Germania e Paesi Bassi (entrambi a 0,4%).



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY