Una trentina di persone ha protestato oggi davanti al museo del Louvre a Parigi per chiedere alla direzione di prendere le distanze dai Sackler, una famiglia di ricchi mecenati americani il cui laboratorio farmaceutico è additato tra i principali responsabili della crisi degli oppioidi negli Stati Uniti. I militanti dell’associazione americana PAIN e dell’associazione francese Aides hanno dispiegato uno striscione rosso con la scritta “Take down the Sackler name” (Eliminate il nome dei Sackler), dinanzi alla celebre Piramide del Louvre. Dal 1996, l’ala delle Antichità orientali del Louvre è infatti intitolata alla famiglia Sackler e i manifestanti chiedono che quel cognome venga ora rimosso dal museo insieme ai loro contributi finanziari. Per loro, i Sackler “usano i musei per lavarsi la reputazione”. Particolarmente influente a New York, la famiglia ha costruito la sua fortuna sull’OxyContin, un potente analgesico accusato di essere all’origine della crisi degli oppioidi negli Usa.

La loro fortuna è valutata a oltre $ 13 miliardi dalla rivista Forbes , rendendola una delle famiglie americane più ricche, prima dei Rockefeller. Deriva, tuttavia, da un “impero del dolore”, come diceva la rivista The New Yorker , con la commercializzazione dal 1996 di OxyContin. Mortimer è morto nel 2010 all’età di 93 anni e Raymond nel 2017 all’età di 97 anni. All’inizio di marzo, i Sacklers lasciarono completamente il consiglio di amministrazione della società rimanendo azionisti. I militanti dell’associazione americana PAIN e dell’associazione francese Aides hanno dispiegato uno striscione rosso con la scritta “Take down the Sackler name” (Eliminate il nome dei Sackler), dinanzi alla celebre Piramide del Louvre. Dal 1996, l’ala delle Antichità orientali del Louvre è infatti intitolata alla famiglia Sackler e i manifestanti chiedono che quel cognome venga ora rimosso dal museo insieme ai loro contributi finanziari. Per loro, i Sackler “usano i musei per lavarsi la reputazione”. Particolarmente influente a New York, la famiglia ha costruito la sua fortuna sull’OxyContin, un potente analgesico accusato di essere all’origine della crisi degli oppioidi negli Usa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!