[gtranslate] EUROSPIN, RITIRA LICENZIAMENTO DI UNA DIPENDENTE E CHIEDE SCUSA - WHAT-U

Quante sono le aziende che fanno firmare codici etici che restano solo parole buttate al vento? Difficile fare una stima, eppure ce ne sono tante, anche se, per fortuna non tantissime, e sono quelle che magari pur avendo anche nomi altisonanti, e una mission con obiettivi non solo legati esclusivamente alla produttività, ma anche alla valorizzazione del ruolo dei propri dipendenti, in realtà di fatto e nella quotidianità, danno valore zero a tutto ciò. Per fortuna Eurospin in questi giorni, seppur dopo la mobilitazione dei sindacati, ha fatto la differenza ritirando la lettera di licenziamento di una donna affetta da sclerosi multipla diagnosticata, iscritta alle categorie protette e con un figlio di 11 anni. La donna che ha sempre lavorato come cassiera in un supermercato della catena, si era vista recapitare una lettera di licenziamento perché, a causa di un aggravamento della sua malattia, aveva superato i sei mesi di congedo. L’azienda non avendo ricevuto alcuna richiesta di aspettativa ha così provveduto a spedirle la temuta missiva. “Abbiamo contattato la signora fissando un incontro per annullare il licenziamento – si legge in un tweet della’azienda – che era partito al raggiungimento dei termini di legge. Non avendo ricevuto alcuna richiesta di aspettativa, non abbiamo approfondito la sua situazione. Di questo ci scusiamo”.

Massimiliano Fabozzi della Filcams-Cgil ha dichiarato: “L’amministratore dell’azienda ha contattato direttamente il segretario nazionale della Filcams Cgil Giovanni Dalò per comunicargli la notizia. Attendiamo l’incontro di ufficializzazione e fino ad allora continueremo la mobilitazione”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY