[gtranslate] PAMPLONA INIZIATA OGGI LA FIESTA DE LOS TOROS - WHAT-U

Ecco il lancio del razzo “Chupinazo”, per celebrare l’apertura ufficiale delle feste di San Fermin del 2019 a Pamplona, ​​in Spagna, oggi sabato 6 luglio 2019. L’esplosione di un fuoco d’artificio tradizionale ha aperto la kermesse di nove giorni di festa ininterrotta nella famosa Pamplona festival di corsa dei tori.   (AP Photo / Alvaro Barrientos)

di Miguel Alvarez

Con l’esplosione di un tradizionale fuoco d’artificio oggi si è dato il via alla Fiesta de los toros, la famosa festa dei tori meglio nota come la festa di San Firmino (fiestas de San Fermín o Sanfermines, Sanferminak in basco) che viene celebrata ogni anno a Pamplona, capitale della regione spagnola di Navarra. I festeggiamenti sono iniziati poche ore fa, per la precisione a mezzogiorno, nella piazza del municipio con il lancio del chupinazo, o txupinazo, come scrivono i baschi: il razzo che annuncia le feste. Il razzo di prassi viene lanciato da una persona (solitamente in rappresentanza di un’associazione) eletta dagli abitanti di Pamplona nel mese di giugno. E quest’anno la scelta è caduta sul nome di Jesús Garísoain, direttore aggiunto della banda municipale La Pamplonesa, che prima di accendere la miccia dal balcone del municipio ha gridato alla folla la formula con la quale si dà il via ai festeggiamenti: “Pamplonesas. Pamploneses. Irundarrak. ¡Viva San Fermín! (¡Viva!) Gora San Fermin! (Gora!)”. Dando il via ai festeggiamenti con un’esplosione di gioia da parte dei festaioli che hanno iniziato a spruzzarsi del vino l’uno contro l’altro, macchiando in rosa il tradizionale abbigliamento bianco e la sciarpa rossa.

 (AP Photo / Alvaro Barrientos)
Ecco le strade piene di persone in attesa del lancio del razzo “Chupinazo”, per celebrare l’apertura ufficiale delle feste di San Fermin del 2019 con corride, musica e balli a Pamplona, ​​in Spagna, sabato 6 luglio 2019. (AP Photo / Alvaro Barrientos)

Una festa entrata nel cuore non solo degli spagnoli, ma anche in quello del noto scrittore, Ernest Hemingway, che a questa ricorrenza ha dedicato un suo romanzo “The Sun Also Rises”. Duecentomila i residenti scesi nelle strade ai quali quest’anno si stima si accoderanno circa un milione di visitatori, attratti da questa corsa di circa 850 metri a fianco di scatenatissimi tori, nell’arena della città oltre che dalle serate di festa senza interruzioni. Molte anche le levate di scudi di gruppi che sono scesi in piazza non per partecipare alla kermesse, ma per protestare contro questa manifestazione in difesa degli animali, e che sono anche diventate un appuntamento fisso negli ultimi anni. Alla vigilia del festival, dozzine di attivisti seminudi mettono in scena un’esibizione simulando i tori infilzati morti sulle strade di Pamplona per attirare l’attenzione su ciò che invece loro non interpretano come una festa, ma vedono come crudeltà nei confronti degli animali per il divertimento umano, anche se le corride sono protette dalla Costituzione spagnola come parte del patrimonio culturale del paese. C’è anche da dire che la a città sta anche cercando di lasciarsi alle spalle anche lo scandalo derivante da uno stupro di gruppo di una donna di 18 anni durante il festival del 2016 per il quale il mese scorso la Corte Suprema spagnola ha condannato gli aggressori a 15 anni di carcere per stupro perché pienamente consapevoli del crimine che stavano commettendo al punto da vantarsene anche via WhatsApp. Il caso ha portato le autorità di Pamplona a intensificare la sorveglianza della polizia e a creare cabine informative, app per telefoni cellulari e hotline 24 ore su 24, consentendo segnalazioni immediate dei casi di abuso.

 (AP Photo / Alvaro Barrientos)
 (AP Photo / Alvaro Barrientos)
 (AP Photo / Alvaro Barrientos)


Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY