[gtranslate] 2018: GLI ITALIANI HANNO SPESO 43 MILIARDI "NEL BENESSERE" - WHAT-U

Gli italiani si sentono bene e sono sempre più attenti alla cura di sé. Tanto da avere destinato nel 2018 un totale di 43 miliardi di euro all’acquisto di prodotti e servizi per il proprio benessere. È quanto emerge dal primo Rapporto sull’Economia del Benessere, realizzato da BVA DOXA per conto di Philips, su un campione di 4.000 persone in 10 regioni d’Italia, e volto a tracciare gli stili di vita e le abitudini di consumo dei 18-64enni. Nel dettaglio: oltre l’80% degli italiani valuta positivamente il proprio stato di salute, il 70% è sempre più attento alle scelte alimentari e più di uno su tre dedica almeno un quarto della propria giornata alla cura del corpo. Dati che si riflettono anche nel paniere di spesa in benessere, che per oltre il 40% è riservato alla sana alimentazione, per il 24% alla cura del corpo e per il 20% all’attività fisica.

ALIMENTAZIONE — Il Rapporto mette in luce quanto le abitudini alimentari degli italiani stiano mutando: solo 2 italiani su 3 affermano di essere onnivori, mentre la restante parte ha deciso di seguire un particolare stile alimentare (24%) oppure una dieta specifica (10%). Il concetto di «integrazione» nutrizionale è ormai più che diffuso, con la gran parte degli intervistati che afferma di utilizzare prodotti come tisane, semi, vitamine, integratori, fermenti lattici, ecc. La sensibilità sempre più alta verso ciò che si mangia emerge anche dal fatto che, nonostante il costante proliferare di locali in cui consumare pranzi e cene di ogni tipo, il 65% degli italiani predilige la preparazione dei cibi fatti in casa, grazie anche alla possibilità di utilizzare piccoli elettrodomestici sempre più performanti, che con 3,74 miliardi di euro rappresentano la seconda voce di spesa nella categoria. E quanto ad informazione su questi temi, il web rappresenta la prima fonte utilizzata dal 69% del campione.

CURA DEL CORPO — Piacere a sé stessi e sentirsi a proprio agio con gli altri per gli italiani è una priorità: circa 1 persona su 3 dedica almeno il 20% del proprio tempo alla cura del corpo e l’incidenza è ancora maggiore tra i più giovani. Una cura della propria immagine che passa da trattamenti estetici di vario tipo svolti in centri appositi (55%), all’acquisto di dispositivi per la cura del corpo (41% – per esempio rasoi, epilatori, idropulsori e massaggiatori) alla frequentazione di beauty farm (17%).

ATTIVITÀ FISICA — Gli italiani non sono poi così sedentari, soprattutto tra i 25 e i 34 anni: 8 persone su 10 fanno qualche attività fisica e 4 su 10 praticano uno sport (tra i preferiti running, fitness e nuoto). E se quasi il 40% è iscritto a palestre, corsi o piscine, ben il 31% dispone di app, software o altri supporti digitali utili a praticare attività sportiva e più del 20% nell’ultimo anno ha acquistato un device tecnologico ad hoc.

STRESS & SONNO — Il recupero dell’equilibrio psicofisico sta diventando sempre più una necessità, considerata la quota di stress a cui gli italiani si sentono sottoposti: 1 su 3, infatti, dichiara di soffrirne spesso e le donne sono le più stressate (42% vs 22% di uomini). Inevitabilmente lo stress ha anche ricadute sul sonno. Per curare l’insonnia e più in generale il sonno inquieto, sintomo che suona come campanello d’allarme per patologie come l’apnea del sonno e che interessa il 33% degli intervistati, gli italiani spendono 1,8 miliardi di euro. Infatti, il 50% del campione utilizza rimedi tra cui tisane, prodotti erboristici, farmaci, integratori alimentari, prodotti omeopatici e fitoterapici. Seguono l’acquisto di strumenti per migliorare la qualità del sonno e il ricorso a specialisti, che assorbono rispettivamente 493 milioni di euro e 354 milioni di euro.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY