[gtranslate] BAMBINI E RAGAZZI TRA DIGITALE E REALE - WHAT-U

L’universo “bambino” è sempre più intriso di digitale, ma fonda ancora parte delle proprie radici nel mondo reale fatto di libri, giocattoli e TV. È quanto rivela Junior di BVA Doxa Kids, la ricerca sui consumi e le abitudini di 6,2 milioni di bambini e ragazzi in Italia, quest’anno è giunta alla sua 30esima edizione. Da tre decenni, infatti, BVA Doxa Kids traccia i comportamenti di bambini e ragazzi nella fascia di età dai 3 ai 16 anni, per anticipare e interpretare macro tendenze e fenomeni di successo. Trend che, nell’edizione 2019, partono da un dato di fatto: la penetrazione del cellulare tra gli adulti è prossima al 100% ed è altrettanto in crescita tra i ragazzi a partire dai 14 anni.

E tra i più piccoli?

Secondo BVA Doxa Kids, ben 1 bambino su 2, tra i 10 e gli 11 anni, possiede uno smartphone. Eppure, anche i più piccini sono vicini al mondo “digitale”. Grazie allo smartphone di mamma e papà. Nemmeno tra gli under 10, si rinuncia quindi ai propri contenuti digitali preferiti: videogiochi e video su YouTube. Con lo smartphone, arrivano anche le applicazioni di chat e social network. Whatsapp e YouTube in cima alla classifica, mentre Facebook perde terreno su tutti i target, rivela ancora BVA Doxa Kids. Ma è Instagram è il vero protagonista. Se il profilo degli utenti di Whatsapp è in linea con quello dei possessori di smartphone, Instagram viene utilizzato da 1 ragazzo su 4 tra i 12-13 anni e da oltre il 40% dei ragazzi nella fascia 14-16 anni. YouTube è l’unica piattaforma web utilizzata anche dai più piccoli: oggi oltre un bimbo su 4 (nella fascia 8-9 anni) accede abitualmente a YouTube e i tassi di crescita della piattaforma di condivisione e visualizzazione di video per eccellenza sono a doppia cifra anno su anno. Con una percentuale di utilizzo che cresce al 50% tra i ragazzi più grandi. E una penetrazione che, negli ultimi 4 anni, è passata dall’1% al 14%.

La Tv e i libri non cedono il passo ai videogiochi

 Nessuna sorpresa: la TV è ancora centrale per i ragazzi italiani. Eppure, BVA Doxa Kids ha chiesto ai ragazzi tra i 5 e i 16 anni di compilare dei diari per registrare i loro consumi digital nell’arco di una settimana, dai quali emerge come le attività dei più piccini siano concentrate sulla TV, mentre lo stesso non si può affermare per i più grandi. Oggi, la TV sta cedendo il passo anche ai video online e ai videogiochi (principalmente tra il target maschile). In altre parole, se tra i bimbi di 5-7 anni circa l’80% del tempo che trascorrono “connessi” è circoscritto alla TV, la stessa percentuale scende al 56% tra gli 11-13enni, che affidano il proprio tempo anche ai videogiochi (29%) e ai video online (15%). In questo ‘boom’ del digitale, rimane forte la connessione tra il target bambini e ragazzi e il mondo reale, fatto di libri, giocattoli e televisione. A dimostrarlo, sempre secondo l’indagine Junior di BVA Doxa Kids, è l’analisi di quei settori dedicati proprio al target giovanissimi e che, in controtendenza rispetto ad altri comparti, hanno retto meglio i periodi di crisi e hanno registrato crescita importante. È il caso dell’editoria per ragazzi, in positivo da almeno quattro anni, e del cinema per i più giovani. E ancora, del mercato del giocattolo o dell’industria del videogame. Tutti mercati e settori sempre più complessi e tra loro interconnessi.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY