[gtranslate] LVMH UTILI IN CRESCITA CONFERMANO LA SUA LEADERSHIP NELLA VENDITA DEI BENI DI LUSSO - WHAT-U

Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato di LVMH

di Simona Garavaglia

LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton conferma la sua crescita anche secondo trimestre, grazie a una domanda globale dei beni di lusso in costante aumento nonostante le continue tensioni commerciali.

Basta dare un’occhiata ai conto. I ricavi complessivi del gruppo sono aumentati del 15%, le vendite del 12% su base organica, performances più che soddisfacenti che a fine giugno hanno portato il gruppo a registrare introiti pari a 12,54 miliardi di euro e un utile netto (+9%) di 3,27 miliardi di euro nel primo semestre, mentre l’utile delle operazioni ricorrenti è aumentato del 14% facendo toccare a LVMH quota 5,29 miliardi di euro, con un margine di utile operativo del 21,1%. Il colosso del lusso ha dichiarato che le vendite nel settore della moda e della pelletteria, che comprende Fendi, Dior e Givenchy, sono aumentate del 20% su base omogenea a 5,31 miliardi di euro nell’ultimo trimestre. La moda e la pelletteria hanno sovraperformato tutti gli altri segmenti. I vini e gli alcolici sono aumentati del 4%, mentre i profumi e i cosmetici hanno registrato una crescita organica del 10%. La vendita al dettaglio selettiva è cresciuta del 7% e gli orologi e i gioielli hanno registrato un aumento del 4%. “Nonostante la forte domanda, continueremo a gestire i costi e resteremo vigili nella seconda metà dell’anno”, ha dichiarato Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato di LVMH. Il prezzo delle azioni del conglomerato di lusso finora quest’anno è cresciuto del 47%, spingendo Arnault vicino alla cima dell’Indice Bloomberg Billionaires, dove ha sostituito per un breve lasso di tempo Bill Gates, come seconda persona più ricca del mondo dopo il fondatore e CEO di Amazon Jeff Bezos. Arnault è poi tornato in terza posizione, con un patrimonio netto di $ 106 miliardi.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY