[gtranslate] HARRY E MEGHAN HANNO IN PROGETTO DI FARE SOLO UN ALTRO FIGLIO "PER IL BENE DEL PIANETA" - WHAT-U

I duchi di Sussex, Meghan Markle e il principe Harry  
(Facundo Arrizabalaga / Pool Photo tramite AP, File)

di Samantha Miller

Il principe Harry ha rivelato che lui e Meghan vogliono solo due bambini nel tentativo di aiutare a salvare il pianeta. Il duca di Sussex , 34 anni, ha fatto questa straordinaria rivelazione nella sua intervista pubblicata sul numero di settembre di Vogue Uk, (N.d.R.: quello diretto per un solo mese da sua moglie Meghan), con Dame Valerie Jane Morris-Goodall, meglio nota come Jane Goodall, l’etologa e antropologa inglese, 85 anni compiuti il 3 aprile scorso, nota soprattutto per la sua ricerca sulla vita sociale e familiare degli scimpanzé, a capo dell’organizzazione Jane Goodall Institute, che si occupa dello studio e della protezione dei primati in diverse zone del mondo. Discutendo degli effetti “terrificanti” dei cambiamenti climatici, le ha assicurato che lui e la Duchessa, che il 4 agosto compirà 38 anni, stanno solo pianificando di avere solo un figlio in più dopo la nascita di Archie. Il principe Harry ha confessato che diventare padre gli ha fatto vedere il mondo in modo diverso per questo motivo lui e Meghan hanno pianificato solo l’arrivo di un altro eventuale bebé.  Nell’intervista Harry ha affrontato anche il tema del razzismo in Gran Bretagna e di come i “pregiudizi inconsci” vengano spesso tramandati di generazione in generazione aggiungendo che i britannici dovrebbero capire da dove provengono i loro pregiudizi per affrontare la discriminazione razziale. L’intervista ha sollevato non pochi commenti anche da parte di fan reali sia per il discorso di Harry legato all’intenzione di non oltrepassare la soglia del secondo figlio per il bene del Pianeta, sia perché spesso quando Harry rilascia dichiarazioni dà sempre l’impressione di dare lezioni alle persone. E questo spesso non piace. Al contrario di suo fratello, il principe William, secondo nella linea di successione al trono del Regno Unito, che invece nelle interviste è molto più impersonale e diplomatico e dopo la nascita di tre figli, il primogenito George, la secondogenita Charlotte, e il terzogenito Louis, pare che con la moglie Kate (N.d.R.: con la quale è sposato dal 29 aprile 2011), pare stia già progettando di mettere in cantiere il quarto figlio.

Nel frattempo l’ambiziosa Duchessa di Sussex, sempre molto determinata a raggiungere nuovi obiettivi e piuttosto impermeabile alle critiche, è al settimo cielo, perché molto impegnata nel neo ruolo di direttrice ospite’ per il numero di settembre di Vogue Uk per il quale ha pensato a una cover molto speciale, dedicata a 15 altre donne simbolo e “fonte d’ispirazione”, Forces For Changes”, così le ha definite Meghan, per tutto il mondo, donne disposte “a rompere le barriere senza paura”, ha sottolineato Buckingham Palace in una nota. Una cover difficile da pensare, visto che coincideva con il debutto di Meghan nei panni di giornalista direttrice di un magazine così importante e famoso. E con molti cambi di rotta sull’impostazione editoriale. Difatti all’inizio Meghan aveva pensato di mettere il suo volto in copertina, poi per timore di esagerare, ha cambiato idea e ha deciso di lasciare il proscenio ad altre donne famose e speciali per il loro ruolo nella società. Come Greta Thunberg, l’ambientalista teenager svedese che si batte contro i cambiamenti climatici, Jacinda Ardern, primo ministro-mamma della Nuova Zelanda e leader laburista che è assurta alle cronache a livello planetario per la reazione alla recente strage terroristica anti-islamica di Christchurch,  le attrici Jane Fonda, Salma Hayek, Laverne Cox, Jameela Jamil, Yara Shahidi e Gemma Chan, le modelle Christy Turlington Burns, Adwoa Aboah e Adut Akech, la pugile Ramla Ali, l’attivista per le diversità Sinead Burke, l’etoile Francesca Hayward e la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie. “Spero che i lettori si sentano ispirati, come me, da queste figure”, ha poi fatto sapere la stessa duchessa. L’edizione speciale include anche una conversazione fra Meghan e l’ex first lady americana Michelle Obama. 

La cover del numero di settembre di Vogue Uk diretto da Meghan Markle


Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY