COREA DEL NORD, GRANDE ATTESA PER IL DISCORSO DI FINE ANNO DI KIM JONG UN - WHAT-U

di Kelly Duval

Il leader nordcoreano Kim Jong Un torna a fare parlare di sé sulle cronache internazionali per la sua improvvisa necessità di preparare “ misure positive e offensive”, tra l’altro non ben specificate, per proteggere la sicurezza e la sovranità del Paese. Kim nel corso della riunione plenaria del Comitato centrale del partito, iniziata sabato, ha anche parlato di misure urgenti da adottare per risollevare l’economia del Paese, facendo riferimento alla grave situazione dei ‘principali settori industriali’. Sul fronte dei test nucleari a distanza, Kim ha fatto presente che la Corea del Nord perseguirà un “nuovo percorso” se Washington continuerà con sanzioni e pressioni, annunciando tra l’altro importanti cambiamenti politici di cui parlerà durante il suo discorso di Capodanno, mercoledì.

Donald Trump con il leader della Corea del Nord Kim Jong Un
(Photo by Saul LOEB / AFP)

“Kim ha sottolineato la necessità di un aumento “decisivo” della produzione agricola e ha dato istruzioni per migliorare gli standard scientifici, educativi e di sanità pubblica”, scrive la Korean Central News Agency (KCNA). E poi tra i suoi piani c’è anche quello di trovare una via di uscita riguardo le persistenti sanzioni e pressioni inflitte dagli Stati Uniti, in particolare sulle esportazioni di manodopera nordcoreana”. Il leader coreano ha incontrato il presidente Donald Trump tre volte in due anni di vertici ad alto rischio, ma la diplomazia è progredita poco oltre il loro vago obiettivo aspirazionale di una penisola coreana libera dal nucleare. Alla loro ultima riunione di giugno, i due leader avevano concordato di riprendere i colloqui a breve ma poi nessuno dei due ha fatto un passo verso l’altro. Kim all’inizio di questo mese (e non solo) ha condotto due test “cruciali” nella sua struttura di lancio di missili a lungo raggio, lasciando intendere che il nucleare è rimasto comunque fra le sue priorità. Questo può avere sicuramente indispettito Trump che avendo capito comunque che con Kim non bisogna andare con il cappello in mano ora preferisce ignorarlo. In attesa di un nuovo passo avanti verso la pace, che sicuramente non sarà il suo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!