SOS PER ASILI NIDO E SCUOLE D'INFANZIA: il 40% RISCHIA DI CHIUDERE PER SEMPRE - WHAT-U

In Lombardia sono oltre 1.400 gli asili nido e le scuole d’infanzia privati, a Milano 250 (più di 120 le strutture convenzionate con il Comune che seguono 5mila bambini). L’offerta dei gestori privati alle famiglie lombarde è molto importante: il 70% dei posti per i bambini da 0 a 3 anni. Gli educatori in tutta la regione sono circa 5mila. Confcommercio Milano in questi giorni ha espresso grande preoccupazione per un settore, come quello degli asili nido e delle scuole all’infanzia privati, la cui condizione oggi è senza precedenti per l’emergenza Covid-19. E il rischio ora è quello di una drammatica ricaduta economica, ma anche sociale.

“Il 40% percento delle strutture, nel giro di 1-3 mesi al massimo”, spiega Federica Ortalli, presidente di Assonidi, l’Associazione aderente alla Confcommercio milanese, “rischia la chiusura definitiva. I costi di gestione tra stipendi del personale, locazione e utenze, senza un introito non si possono onorare. Siamo micro-piccole imprese vicinissime al collasso.” Particolarmente urgente è il problema della locazione: la categoria non rientra per ora fra quelle che possono usufruire del credito d’imposta. Confcommercio Milano tra l’altro ha anche sottolineato un importante passaggio della lettera che Assonidi ha di recente inviato al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Nascerà un’ulteriore emergenza sociale per la Nazione: la mancanza di posti per soddisfare le richieste delle famiglie quando inizierà la ripresa del mondo produttivo italiano”.

Quando arriverà la ripresa “le famiglie – sottolinea Federica Ortalli – non ritroveranno quello che hanno lasciato. Potrebbero non trovare nidi e scuole d’infanzia, perché questa crisi li ha travolti, potrebbero non ritrovare gli educatori, perché il calo dei bambini imporrà soluzioni drastiche sul personale educativo. Troveranno ancora gestori pieni di passione. Operatori che adesso si sentono trascurati dalle istituzioni. In questo periodo di chiusura siamo al lavoro per far sentire la nostra voce forte e risoluta. Gli asili nido privati devono poter continuare a svolgere la loro funzione”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY