•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Michael Burke con una dipendente di Louis Vuitton, sito produttivo di Sainte-Florence.  
(ph. David Gaillard / Per gentile concessione di Louis Vuitton)

di François Dupont

Dopo la chiusura per il Coronavirus, con progressivo riavvio riparte la produzione francese di Louis Vuitton, che ha riaperto 12 dei suoi 16 siti di produzione di pelletteria nel paese con l’obiettivo di produrre centinaia di migliaia di maschere per il personale e le case di riposo vicine. Mercoledì, scrive WWD, Michael Burke, presidente e amministratore delegato del gruppo, ha visitato l’officina di Sainte-Florence nel dipartimento della Vandea nella Francia occidentale, dove da lunedì sono tornati al lavoro 115 su 896 dipendenti, di cui 22 hanno prodotto un mix di maschere monouso e riciclabili. “Stiamo accelerando per farne oltre 100.000 a settimana”, ha detto. Le varie officine Vuitton a Marsaz, Saint-Donat, Saint-Pourçain, Ducey e Sainte-Florence stanno realizzando maschere e prototipi, mentre le officine Issoudin e Condé producono esclusivamente maschere. Invece lo storico atelier della casa di lusso, aperto nel 1859 ad Asnières, alla periferia di Parigi, rimane chiuso. “I primi che sono tornati erano tutti volontari. E quando sono tornati”, ha sottolineare a WWD l’AD, “l’allerta in Francia era al massimo”. Nelle aree produttive fuori Parigi, sempre più persone stanno tornando al piano di fabbrica. “La gente vuole tornare al lavoro”, ha detto Burke. “Il feedback che sto ricevendo è straordinariamente positivo”.

 Nel frattempo, gli artigiani stanno producendo prototipi per la collezione autunnale. Burke ha affermato che la forza delle vendite online e la probabile prevalenza di showroom digitali nel prossimo futuro avranno un impatto sul design

L’e-commerce è molto forte ed è un fantastico canale di comunicazione diretto a tutti i nostri clienti in tutto il mondo”, ha affermato.“Devi pensare in termini digitali. I prodotti devono essere desiderabili su una piattaforma digitale”, ha aggiunto Burke. “Tutto ciò andrà a beneficio delle storie più forti e dei prodotti orfani che sono belli”.

Vuitton, il gioiello della corona del conglomerato di lusso LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, ha chiuso i suoi 16 siti in Francia il 17 marzo e quello di Sainte-Florence ha riaperto il 30 marzo con i volontari, in base a nuove rigorose norme igieniche e di distanziamento sociale.”Gli atelier sono stati progettati con la massima interazione dal prototipo fino ai prodotti finiti, e ciò che abbiamo dovuto installare è qualcosa che si trovava all’estremità opposta dello spettro del Coronavirus”, ha detto Burke. 

“Abbiamo dovuto adeguare la maggior parte delle nostre macchine da cucire e i nostri artigiani dovevano imparare a cucire tessuti”

Il governo francese ha chiesto alle aziende di moda e tessili di fornire assistenza per la produzione di maschere e si è rivolto ad altre industrie per la produzione di disinfettante idroalcolico. Vuitton possiede anche un laboratorio a Firenze dedicato ai prototipi; quattro in Spagna, gestendo principalmente piccola pelletteria e accessori; due in California e uno in Texas, dedicati alla fornitura del mercato statunitense. Tutti questi rimangono chiusi, così come le sue fabbriche di scarpe a Venezia.

“L’Italia è ancora chiusa, quindi ci sono alcune cose che non possiamo fare in Francia perché abbiamo alcuni fornitori italiani cruciali che non sono ancora aperti – per recuperare pezzi di metallo, fibbie, alcuni articoli speciali”, ha spiegato.”E a valle significa che i negozi devono essere aperti e non ho idea di quando succederà”, ha detto il CEO. “La produzione di articoli in pelle può avvenire solo quando riusciremo ad allineare le forze esterne”.

Il governo francese ha chiesto alle aziende di moda e tessili di fornire assistenza per la produzione di maschere e si è rivolto ad altre industrie per la produzione di disinfettante idroalcolico. Finora le aziende francesi hanno prodotto 4 milioni di maschere non chirurgiche alternative, mentre il governo è destinato a più di triplicare la produzione domestica di maschere chirurgiche a 40 milioni in aprile, ha detto mercoledì il Ministero delle finanze. LVMH ha ordinato 40 milioni di maschere a un fornitore industriale cinese per far fronte alla carenza di ospedali francesi. Inoltre, ha riorganizzato le sue unità di produzione di profumi e cosmetici per produrre e distribuire grandi quantità di gel idroalcolico. Nel frattempo, Kering ha acquistato 3 milioni di maschere chirurgiche cinesi importate che fornirà ai servizi sanitari francesi. I suoi marchi Balenciaga e Yves Saint Laurent producono anche maschere. Burke ha dichiarato che Vuitton manterrà tra il 20 e il 30 percento delle sue maschere per uso interno e donerà il resto alle case di riposo. “L’obiettivo è di essere neutrali rispetto alle maschere, quindi non stiamo esaurendo le maschere sul mercato e quindi tutta la produzione in eccesso sarà donata principalmente alle case di riposo di cui nessuno si occupa”, ha detto. Al momento un terzo dei team fabbricano maschere, un terzo lavora su prototipi e l’altro terzo produce borse. “Ma prima dobbiamo creare abbastanza maschere per assumere tutti gli altri. Le maschere vengono prima di tutto”.”Ci sono molte persone che si trovano in queste case di riposo e sono le più vulnerabili”, ha concluso Burke. “Vogliamo assolutamente fare il nostro dovere sociale”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!