•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Matteo Ciacci

Oggi il bilancio delle vittime in Gran Bretagna è salito a 888 facendo aumentare il bilancio totale delle vittime che ora segnala 15.464 decessi, ma il timore, scrive il Daily Mail, è che a questi numeri si debbano aggiungere migliaia altri casi non ancora notificati a causa di un ritardo nella registrazione del numero delle vittime sia negli ospedali sia nelle case di cura. Visto dal punto di vista cronologico il bilancio di oggi è il quarto peggiore registrato dall’11 aprile (917 decessi), dopo i 980 del 10 aprile e 938 dell’8 aprile. Il 10 aprile è stato definito “the terrible day”, il giorno che ha registrato il maggior numero di decessi in Gran Bretagna con 980 morti, superando il massimo di 950 della Spagna risalente al 3 aprile. Un’indagine della British Medical Association (BMA) compiuta su un campione di oltre 6.000 medici in tutto il Regno Unito ha rivelato che un numero significativo di persone che lavorano alle dipendenze del sistema sanitario opera non avendo le protezioni necessarie per proteggersi dal Covid-19. L’indagine BMA, segnala il Daily Mail, ha rilevato che poco meno di un terzo dei medici che lavorano in aree ad alto rischio – aree di aerosol-procedure generali (AGP) – e altre strutture ospedaliere non-AGP hanno affermato che a volte hanno dovuto lavorare sotto pressione, senza un’adeguata protezione, mentre il 50% dei medici che lavora nelle aree AGP ha dichiarato che ci sono state carenze o, nel peggiore dei casi, nessuna fornitura, di abiti monouso a maniche lunghe e occhiali usa e getta.

Anche un altro sondaggio, scrive il Daily Mail, che ha preso a campione 14.000 membri del personale medico presso il Royal College of Nursing (RCN), ha fatto eco perché ha rivelato che la metà degli infermieri ha dovuto lavorare senza potere fruire di adeguati dispositivi di protezione, provocando l’indignazione dei sindacati. Il presidente del consiglio della BMA, il dott. Chaand Nagpaul, ha dichiarato: “Il governo afferma che presto un miliardo di articoli saranno stati spediti e, sebbene ci siano stati segnali di miglioramento, la nostra ricerca mostra chiaramente che le apparecchiature non raggiungono tutti i medici che lavorano in prima linea.’Troppi medici e personale sanitario hanno già perso la vita. Non possiamo permetterci di rischiare di perdere più”. Oggi Niall Dickson, amministratore delegato della NHS, il servizio sanitario nazionale inglese, uno dei quattro del Regno Unito ha dichiarato al programma Today di BBC Radio 4: “La realtà è che esiste una possibilità, e non credo sia definita, ma esiste la possibilità che gli ospedali esauriscano le scorte di protezioni per trattare alcuni pazienti Covid”.

In Germania

In Germania, secondo i dato del Robert Koch Institute (RKI), un’organizzazione che si occupa del controllo e la prevenzione delle malattie infettive in Germania, che ha due sedi una a Berlino e una a Wernigerode, e fa parte del Ministero federale della Salute, ha confermato che i casi di Coronavirus sono aumentati in maniera esponenziale portando il numero dei contagi a 3.609 facendo salire il numero dei contagi a 137.439 mentre i bilancio delle vittime ha toccato quota 4.110. La cancelliera Angela Merkel ha allentato le iniziali misure di blocco in Germania sostenendo che “la curva (delle infezioni) era diventata più piatta”. Ora anche in Germania, come in Italia, alcuni negozi più piccoli dovrebbero riaprire per primi, mentre le scuole probabilmente riapriranno all’inizio di maggio. Ovviamente l’uso di maschere resterà obbligatorio sia sui messi pubblici sia nei negozi.

Due pedoni attraversano una strada deserta a Monaco di Baviera, nella foto, mentre la Germania continua a essere bloccata nonostante i piani per allentare le restrizioni nelle prossime settimane

La Merkel ha anche aggiunto che resterà in vigore il divieto di assembramenti, precisando, anche di due sole persone in pubblico, oltre che l’obbligo di mantenere una distanza di 1,5 metri dagli altri, in vigore dal 23 marzo. Merkel ha dichiarato che queste decisioni si applicheranno fino al 3 maggio.  

In Albania
fonte: Albanianews

In Albania, riferisce Albania news, finora sono stati testati 5311 casi sospetti e di questi, 548 sono stati confermati positivi al Covid-19, vale a dire circa il 10% di tutti quelli testati. Il numero delle persone colpite da COVID-19 è aumentato a Kurbin, Tirana, Kukës e Fier. Dei nuovi casi, 5 sono stati registrati a Kurbin, 2 a Kukës, 1 a Tirana, 1 a Fier. Durante le ultime 24 ore, altri 19 pazienti sono stati aggiunti all’elenco dei guariti, portando il numero totale di guariti da COVID-19 a 302. 

In India

Secondo i dati aggiornati del Ministero della sanità, in India il numero totale dei decessi causati dal Coronavirus ha raggiunto quota 14.378 e oggi il bilancio delle vittime si è implementato di altri 480 casi. Per la precisione, scrive lo Statesman, i nuovi contagiati dal COVID-19 sono 991 mentre sono 43 i morti segnalati nelle ultime 24 ore. Delle vittime totali, 201 risultano a Maharashtra, uno stato dell’India Centro-occidentale, meglio conosciuto per la capitale dai ritmi frenetici, Mumbai (ex Bombay) e 69 a Madhya Pradesh, grande stato dell’India Centrale, che custodisce monumenti appartenenti a diverse epoche della storia indiana. Dai templi indù e giainisti di Khajuraho, la cui costruzione iniziò nel X secolo, noti per le incisioni erotiche, soprattutto nel tempio Kandariya Mahadeva, che contiene più di 800 sculture. Ai Parchi Nazionali di Bandhavgarh and Kanha, rinomati santuari delle tigri del Bengala.

In Cina

Per la Cina riportiamo alcune infografiche che possono offrire un quadro molto più completo questa volta rispetto alle informazioni scritte.

dati 18 aprile 2020
Cina le top news
  • Casi ad oggi confermati (18 aprile 2020) 82.692
  • Anche Wuhan corregge il numero delle vittime
  • Le autorità sanitarie cinesi spiegano che il coronavirus «non è potente quanto la Sars, ma sta diventando più contagioso. Lo ha
  • detto Gao Fu, a capo del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie in una conferenza stampa a Pechino. Che ha anche aggiunto: “L’allarme Covid-19 è partito dalla città di Suifenhe, situata nella provincia di Heilongjiang e amministrata dalla prefettura di Mudanjiang”
  • 18 persone tra cui il vice sindaco di Harbin, Chen Yuanfei, sono stati ritenuti responsabili a causa della scarsa prevenzione e controllo dell’epidemia
  • “Il segretario alla Marina sostituto Thomas Modly ha rassegnato le dimissioni … Questa mattina ho accettato le dimissioni del segretario Modly”, questa la dichiarazione del segretario alla Difesa Mark Esper. L’errore di Modly è stato quello di insultare pubblicamente e licenziare il capitano della portaerei Brett Crozier per aver denunciato la possibilità di un contagio incontrollabile fra i quasi cinquemila membri del suo equipaggio. Modly aveva definito Crozier «troppo ingenuo o troppo stupido per essere un ufficiale comandante di una nave». La decisione di Modly di rimuovere Crozier era stata criticata sia dal principale ammiraglio della Marina, Michael M. Gilday, il capo delle operazioni navali, sia dal capo dell’esercito, il generale Mark A. Milley. Modly che era in carica dal 24 novembre 2019, faceva parte dell’amministrazione Trump dal 2017. (fonte: Herald Mail Media)
DATI ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

(Dati ricevuti dall’OMS dalle autorità nazionali entro le 10:00 CEST (Central European Summer Time), del 18 aprile 2020

  1. In tutto il mondo 2.160.207, contagi (85.678), 146.088 decessi (+ 6710 ultime 24 ore)
  2. Europa 1.086.889 contagi (36.018), 97.201 decessi (+ 3.721 ultime 24 ore)
  3.  Region of the Americas 784.272 contagi (+ 40.665 ultime 24 ore), 35.742 decessi (+ 2.714 ultime 24 ore)
  4. Regione del Pacifico occidentale 129.256 contagi (+ 1661 ultime 24 ore), 5.598 decessi (+ 40 ultime 24 ore)
  5. Regione del Mediterraneo orientale 120.683 contagi (+ 4.859 ultime 24 ore), 5.784 decessi (+ 122 ultime 24 ore)
  6. Regione del sud-est asiatico 25.291 contagi (+ 1.731 ultime 24 ore), 1.134 decessi (+ 83 ultime 24 ore)
  7. African Region 13.104 contagi (+ 744 ultime 24 ore), 616 decessi (+ 30 ultime 24 ore)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!